Il ritorno dell'influenza aviaria in Inghilterra: a rischio i rifornimenti per Natale e Capodanno

Allarme aviaria: in Gran Bretagna Lidl e Asda razionano la vendita di uova nei supermercati
Allarme aviaria: in Gran Bretagna Lidl e Asda razionano la vendita di uova nei supermercati

Piove sul bagnato per il Regno Unito, già alle prese con una crisi inflazionistica e che ora, teme per il proprio rifornimento di uova, ormai da secoli per i britannici uno degli alimenti ritenuti praticamente indispensabili per poter fare quella che si consideri una buona colazione.

Torna il pericolo dell’aviaria: l’Inghilterra teme il razionamento delle uova

Al momento vi sono abbondanti scorte degli alimenti, ma sono già due catene di discount, Lidl e Asda ad avere deciso negli scorsi giorni di porre un limite alle confezioni che ogni cliente può comprare per evitare che, prima che si alzi ulteriormente il prezzo (già tre volte tanto il costo medio di qualche mese fa).

A fare preoccupare le autorità inglesi riguardo una prospettiva di carenza, il ritorno dell’influenza aviaria tra i polli, che recentemente si è diffuso in diversi Paesi, colpendo in particolar modo l’isola. Le autorità sanitarie veterinarie hanno già pubblicato l’ordine di reclusione all’interno dei capannoni di tutti gli allevamenti di aviari presenti sul suolo inglese, con la possibilità di abbattimenti precauzionali in caso di capi a rischi (osservati speciali i tacchini). Queste misure preventive sono state rese maggiormente necessarie soprattutto in vista del periodo festivo di Natale e Capodanno, dove si aumentano esponenzialmente i consumi di questo prodotto.