Il ritorno di Harry e Meghan per il Giubileo: con Lilibeth

featured 1617078
featured 1617078

Roma, 7 giu. (askanews) – Sono tornati a Londra per la prima volta per il Giubileo di Platino di Elisabetta II, ma sottotono: Harry d’Inghilterra e Meghan Markle duchi di Sussex per quattro giorni nel Regno Unito, un po’ in disparte come si conviene a chi ha scelto di rinunciare agli incarichi pubblici e per questo non può più fregiarsi del titolo di Altezza Reale.

Eppure hanno rubato lo stesso la scena: pubblicando la foto della loro bimba nel primo compleanno, passato proprio a Londra. Si chiama Lilibeth, il nomignolo della regina da ragazza; il Giubileo è stato anche teatro del primo incontro fra l’infante e la sovrana, di cui purtroppo non ci sono immagini ufficiali.

Dopo tante polemiche incluse le esplicite accuse di razzismo verso membri innominati dalla famiglia, il divorzio dalla casa reale sembra metabolizzato anche dall’opinione pubblica.

Harry e la moglie attrice americana hanno presenziato alla messa in cattedrale per la regina, però distanti da Carlo e Camilla, e dal fratello maggiore William con la sua futura regina Kate.

Per i britannici esaltati dagli eventi reali fuori dalla cattedrale di Saint Paul è giusto così:

“Beh fanno parte della famiglia, sarebbe stato un peccato se non ci fossero stati e capisco perché non sono in prima fila, ovviamente non vogliono far ombra alla Regina ma è giusto così” dice una londinese, e altre due chiosano: “Non so, lei non mi è mai piaciuta. Non so perché. Mi pare che a lei piaccia essere al centro dell’attenzione. Ma Harry… Harry è fantastico”.

Quando la Regina è apparsa al balcone di Buckingham Palace per la folla adorante, ultimo atto del Giubileo, intorno aveva la famiglia immediata, inclusi i tre rampolli di William e Kate, ma non l’altro nipote. Harry d’Inghilterra e Meghan Markle sono già tornati in California.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli