Il ritorno di Teddy Riner, star del judo

Il ritorno di Teddy Riner, star del judo

Il terzo giorno del Grand Slam di judo in Ungheria è iniziato con la nomina di Pal Schmitt, ex presidente dell'Ungheria, ad ambasciatore della Federazione Internazionale che , come primo atto, ha consegnato al Presidente dell'Unione Judo europea Lazlo Toth il premio alla carriera dell'International Fair Play Committee.

Gare spettacolari: la giovane stella giapponese Murao Sanshiro ha dato prova di un Judo rapido, e l'italiano Christian Parlati non è riuscito a fermare la sua corsa all'oro.

La vicepresidente delle vendite pubblicitarie della CNN, Corinna Keller, ha consegnato le medaglie.

Combattendo nella sua nuova categoria di peso, -78 kg, l'italiana Alice Bellandi fa faville, sconfiggendo sia la campionessa olimpica che la numero 3 del mondo, l'israeliana Lanir.

A premiare è stato il membro della Commissione Europea dell'IJF e presidente del Kodokan Haruki Uemura.

"All'inizio ero nervosa, ma poi non avevo nulla da perdere, dovevo solo combattere, fare il mio judo, essere fiduciosa, pensare al mio lavoro - e ha funzionato".

Categoria -100 kg Iida Kentaro è stato in forma per tutto il giorno, eseguendo un eccellente footsweep sul campione del mondo Sherazadishvili

In finale il giapponese, premiato dal pres idente dell'ANOCA Mustapha Berraf ha battuto il veterano Liparteliani,con un decisivo Waza-ari mentre , la giapponese Tomita ha sconfitto in finale la temutissima cubana cubana Idalys Ortiz.

Sono state premiate dal vicepresidente federale, Carlos Zegarra.

Nella categoria +100 kg è stato il ritorno della vera superstar del judo, Teddy Riner. Il 10 volte campione del mondo, 2 volte campione olimpico e 4 volte medaglia olimpica nei singoli, che è anche l'attuale campione olimpico a squadre miste, ha mosso i primi passi verso il suo terzo oro olimpico nei singoli. Il cammino verso Parigi è lungo, ma Riner intende chiaramente reclamare il suo trono.

Le medaglie sono state consegnate dal tesoriere generaledella federayione Naser Al Tamimi.

"Questo è il mio ritorno oggi, un anno dopo i Giochi Olimpici. È difficile, dopo tanti anni di carriera, tornare per un Grande Slam. È un grande giorno per me, ora conosco il mio livello sulla scena internazionale".

L'ultima giornata a Budapest si è conclusa con un altro successo per la squadra ungherese. A coronarlo è stato Zsombor Veg , che ha portato a casa la sua prima medaglia in un Grande Slam! E che bel modo di farlo, davanti al pubblico di casa. Una conclusione entusiasmante per un altro grande torneo in Ungheria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli