Il santo di oggi, 19 ottobre

Nel secolo degli Illuministi e degli enciclopedisti, nel secolo di Voltaire e Rousseau, un fossato che sembra incolmabile rischia di relegare la fede a un ruolo marginale rispetto alla cultura del tempo, divenuta simbolo di libertà e progresso. Ed è proprio in questo scenario confuso e contraddittorio che si compie il percorso spirituale di Paolo della Croce, futuro fondatore della Congregazione dei Passionisti. Paolo Francesco Danei - che prenderà il nome Della Croce per indicare la sua appartenenza a Cristo crocifisso - nasce a Ovada, in Piemonte, il 3 gennaio 1694, primo dei 16 figli di una nobile famiglia decaduta. Considerato il "più grande mistico e scrittore spirituale del XVIII secolo" Paolo ha affidato il suo messaggio a 2.000 Lettere, nelle quali ha profuso una spiritualità cristocentrica e mariana, incentrata sulla volontà di esaltare la Passione di Cristo, testimonianza del suo amore infinito.