Il satellite Eutelsat Konnect va in orbita con 'spinta elettrica' di Leonardo

webinfo@adnkronos.com

(di Andreana d'Aquino)- Sarà messo in orbita grazie ad una inedita 'spinta elettrica' che parte dal centro spaziale italiano del Fucino il satellite per tlc Eutelsat Konnect lanciato con successo, la notte scorsa alle 22.05 ora italiana, da Arianespace. Operativo a partire da questo autunno, Eutelsat Konnect promette di colmare il divario digitale in Africa ed in Europa. Partito dal Centro Spaziale europeo di Kourou, nella Guyana francese, Eutelsat Konnect è un satellite interamente elettrico, costruito da Thales Alenia Space - joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) - e usufruirà della tecnologia della propulsione elettrica per la sua messa in orbita, una fase delicata che durerà circa sei mesi e che sarà gestita con il supporto del Centro Spaziale abruzzese del Fucino di Leonardo.  

In particolare, Leonardo spiega che la tecnologia della propulsione elettrica che porterà in orbita Eutelsat Konnect si differenzia principalmente dalla propulsione chimica per la minore massa di propellente richiesta -circa il 20% della massa totale rispetto al 50% della propulsione chimica- lasciando a bordo più spazio per i carichi utili imbarcati. La propulsione elettrica però, spiegano ancora gli esperti di Leonardo, produce una spinta ridotta rispetto ad un motore chimico (0,5 N contro 400 N), questo significa che la durata della fase di Leop passa da circa 10 giorni a circa 6 mesi durante i quali è necessario garantire il supporto operativo.  

In questa missione, Leonardo, attraverso Telespazio, fornisce anche la rete di stazioni di terra -3 primarie e 3 di backup- nel controllo di Eutelsat Konnect usando il Centro di controllo Leop che si trova alla base del Fucino e che, proprio a fine 2019, è stato potenziato per gestire anche questa nuova attività. Sempre con Telespazio, Leonardo è coinvolta nelle operazioni di dinamica del volo di Eutelsat Konnect e le attività di messa in orbita del satellite sono coordinate dal team di Thales Alenia Space Francia di Cannes. Con questo scenario, si realizza così una gestione distribuita delle operazioni grazie a team dislocati in siti geograficamente differenti, secondo una prassi consolidata fin dal 2005 nella Space Alliance. 

Il satellite Eutelsat Konnect opera in banda Ka ed è il primo a utilizzare la piattaforma interamente elettrica Spacebus Neo di Thales Alenia Space sviluppata nel quadro del progetto di Neosat costituito dall'Agenzia Spaziale Europea e dall'Agenzia Spaziale francese Cnes. Con una massa di lancio di 3,6 tonnellate, il satellite occuperà la posizione orbitale a 13° Est e avrà una vita operativa di oltre 15 anni. Thales Alenia Space spiega che Eutelsat Konnect offrirà una capacità effettiva di 75 Gbps e fornirà accesso a Internet ultra-veloce fino a 100 Mbps, sia per aziende che per privati.  

In Africa il satellite verrà utilizzato anche in combinazione con terminali Wi-fi pubblici in modo tale che diversi utenti possano condividere l'accesso a Internet. Sempre in Africa, Eutelsat Konnect verrà commercializzato attraverso coupon acquistabili dal telefono cellulare. Quale fattore chiave della strategia di crescita di Eutelsat basata sulla connettività, Eutelsat Konnect avrà quindi un ruolo strategico nel digital divide di Europa ed Africa ed il programma si arricchirà nel 2022 con la presenza di Eutelsat Konnect Vhts (Very High Throughput Satellite) attualmente in costruzione da Thales Alenia Space.