Il segretario Dem annuncia la lista con cui il Pd correrà alle politiche, senza i Cinquestelle

Il segretario del Pd Enrico Letta
Il segretario del Pd Enrico Letta

Enrico Letta non è stato tenero sulla caduta del governo Draghi e su Twitter aveva parlato di “un suicidio collettivo”. Ospite di Lucia Annunziata a “Mezz’ora In Più”, il segretario Dem ha poi tirato fuori la notizia vera ed ha annunciato lista e soggetti politici con cui il Pd correrà alle politiche e lo farà senza i Cinquestelle di Giuseppe Conte. Insomma, dopo il campo largo arriva un campo “non strettissimo” e con quello anche un po’ di ironia sulle accuse di Matteo Salvini.

Il tweet di Letta sulla caduta del governo Draghi

Cosa aveva detto il leader della Lega su Letta? Che non lo aveva mai visto sudare: “Io sudo, non sono mica come quelli del Pd che non sudano mai. Pensandoci, non ho mai visto Letta sudato…”. E Letta: “Apperò. Irrompe il sudore. Se si parte così dove si può arrivare?”. Tornando alle cose serie o con presunzione di serietà Letta ha definito la caduta del governo Draghi “un suicidio collettivo della politica italiana”. Poi ha rivelato: “Siamo molto più progressisti noi del Movimento 5 Stelle, su tanti temi. Chiameremo la lista Democratici e Progressisti“.

“Democratici e Progressisti” in corsa per il voto

“Ne ho parlato con Roberto Speranza, Demos, Psi, sono pronto a parlare con altri. Vorrei 100mila volontari, li guiderà Silvia Roggiani”. Ci sono tre requisiti per entrare nella squadra: portare valore aggiunto, avere uno spirito costruttivo e tenersi alla larga dalla logica dei veti. E sui motivi e non moventi del forfait di  Mario Draghi? “Ho la sensazione che qualcosa si fosse rotto da settimane, ma non è Draghi che ha ceduto. Si sapeva dall’inizio che il governo poteva durare solo a certe condizioni. C’era bisogno di atteggiamenti responsabili”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli