Il semaforo gelsomino di Milano

·1 minuto per la lettura

Il rischio è che con un semaforo così non passi nessuno, che resti rosso anche quando diventa verde o indugia nell'arancione. Perché la tentazione è quella di fermarsi lì, in piazza Virgilio, a Milano, ad ammirarlo bello com'è.

Anzi, come sono: lui e il gelsomino fusi in un abbraccio che lascia scoperto solo il ‘capo', la parte lampeggiante del semaforo, quella che fa diventare irascibili o pieni di slancio se la fretta di ripartire si associa a pensieri cupi di giornata o a una promessa di imminente felicità. 

Con qualsiasi umore gli si passi accanto, col finestrino aperto o in motorino da sotto il casco o con un po' di fantasia da passeggeri del tram che scorre vicino, il rigoglioso semaforo fiorito profuma di magia il passaggio da qui lasciando intendere che la bellezza può esserci anche nei riti più quotidiani dell'attesa, se ci si lascia avvolgere senza difese.         

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli