Il senatore leghista Calderoli ha commentato l’incontro tra letta e Oscar Camps

·2 minuto per la lettura
Letta
Letta

Nella giornata di giovedì 15 aprile, il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha incontrato Oscar Camps, fondatore di Open Arms. La vicenda, resa nota dal leader del PD tramite il suo account Twitter ufficiale, è stata aspramente criticata dalla Lega.

Migranti, Calderoli: ‘Letta dica a Open Arms di portare i clandestini in Spagna’

In merito all’incontro tra Enrico Letta e Oscar Camps, si è espresso il vicepresidente del Senato e senatore della Lega Roberto Calderoli che ha dichiarato: “Non ho dubbi sul fatto che Enrico Letta oggi nel suo incontro con Oscar Camps, il fondatore dell’Ong spagnola Open Arms, gli avrà ribadito che in Italia abbiamo leggi vigenti sull’immigrazione che non possono essere violate da navi straniere, leggi che vanno rispettate, e sicuramente gli avrà detto chiaro e tondo che d’ora in poi se la sua nave straniera raccoglie clandestini in acque straniere poi dovrà riportarli nei porti di partenza oppure nella sua Spagna, scordandosi di puntare verso i porti italiani… Non abbiamo dubbi su questo, vero Letta?”

L’intervento di Matteo Salvini e Giorgia Meloni

Il senatore Roberto Calderoli, tuttavia, non è stato l’unico a criticare l’iniziativa del segretario del PD, annunciata con un tweet corredato dal seguente messaggio: “È venuto a trovarmi Oscar Camps, il fondatore di Open Arms. Bello scambio di idee. Tante preoccupazioni, e anche qualche elemento di speranza”.

Le parole di Letta, infatti, hanno scatenato anche la reazione del leader della Lega Matteo Salvini che sul suo account Twitter ha commentato il post di Letta scrivendo: “Sabato vado a processo proprio per uno (degli innumerevoli) sbarchi organizzati dagli spagnoli di Open Arms e oggi il PD riceve questi ‘signori’ con tutti gli onori. Non ho parole, lascio a voi ogni commento, il tempo è galantuomo”.

Infine, sempre su Twitter, è intervenuta sulla vicenda anche la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che ha precisato: “Incontrare i rappresentanti delle categorie in ginocchio? Ma no, per il segretario del PD la priorità è l’incontro con il fondatore dell’Ong Open Arms. Sempre a dimostrazione di quale siano i loro interessi principali”.