Il senatore leghista Pillon e il messaggio sessista su Facebook

·2 minuto per la lettura
Post
Post

Il senatore della Lega, Simone Pillon ha scritto un lungo post sessista sul suo account Facebook ufficiale. Il politico è particolarmente noto per le sue posizioni in materia di questione di genere, più volte ostentate. L’uomo, ad esempio, si configura da sempre come una delle personalità che maggiormente si oppongono alla legge sull’omofobia e come uno dei più determinati sostenitori del Family Day e delle politiche anti-abortiste.

Lega, post sessista di Pillon: “Le donne sono più portate per l’accudimento”

Nella giornata di mercoledì 26 maggio, il senatore leghista Simone Pillon ha duramente criticato un’iniziativa promossa dall’università di Bari, che ha deciso di stimolare le studentesse a iscriversi a determinati corsi riducendo il valore delle tasse.

A questo proposito, quindi, si è espresso il senatore Pillon che ha asserito:

L’università di Bari spinge per far iscrivere ragazze a corsi di laurea tipicamente frequentati in prevalenza dai ragazzi.

È naturale che i maschi siano più appassionati a discipline tecniche, tipo ingegneria mineraria per esempio, mentre le femmine abbiano una maggiore propensione per materie legate all’accudimento, come per esempio ostetricia.

Lega, post sessista di Pillon: cultori del Gender

Proseguendo nella sua invettiva e reindirizzandola nei confronti di coloro che definisce sarcasticamente “cultori del Gender”, inoltre, il leghista commenta le sue stesse affermazioni, sottolineando:

Questo però non sta bene ai cultori del Gender, secondo i quali ci DEVONO essere il 50% di donne nelle miniere e il 50% di uomini a fare puericultura.

Ovviamente ognuno è libero, e ci sono le sacrosante eccezioni, ma è naturale che le ragazze siano portate verso alcune professioni e i ragazzi verso altre.

Imporre ai maschi di pagare più delle femmine per orientare la libera scelta di un percorso universitario è un modo di fare ideologico, finalizzato a manipolare le persone e la società.

Lega, post sessista di Pillon: Ddl Zan

Il messaggio dal contenuto fortemente sessista scritto dal politico leghista su Facebook, infine, si conclude con un nuovoattacco rivolto nei confronti del Ddl Zan, la legge contro l’omofobia che al momento è ferma presso le commissioni del Senato in attesa di essere valutata.

Il senatore Pillon, infatti, ha dichiarato:

La cosa divertente è che proprio sulla base della stessa ideologia Gender, orgogliosamente propugnata dal DDL Zan, agli studenti maschi basterà autopercepirsi come femmine per i pochi minuti necessari all’atto dell’iscrizione per poter beneficiare legalmente dello sconto…

Già Manzoni insegnava che più le regole sono idiote, più è facile aggirarle…

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli