Il Senatore Vito Petrocelli espulso dal M5s. Conte: "Vergognoso"

·1 minuto per la lettura
Tweet Petrocelli M5S
Tweet Petrocelli M5S

“Buona Festa della liberaZione”. Il tweet del senatore Vito Petrocelli richiama quello che è ormai il triste segno dell’invasione russa dell’Ucraina. E gli costa l’espulsione dal Movimento Cinque Stelle

Il tweet con la “Z” negli auguri

Nel clima surreale che caratterizza l’attesa della Festa della Liberazione di domani, arriva il tweet di un senatore del Movimento Cinque Stelle ad avvelenare ancora di più la tensione di questi giorni.

“Per domani buona festa della LiberaZione” scrive il Senatore Vito Petrocelli in un tweet. Dove quella “Z” non è una maiuscola scappata per errore ma rappresenta quella lettera scritta col gesso sui mezzi blindati e sui camion militari russi che hanno invaso l’Ucraina.

Reazioni indignate sui social

Lo hanno capito subito i vari utenti che hanno letto il tweet e non hanno mancato di far sapere al senatore cosa ne pensassero. Da quanto scrivono tutti i principali media infatti, Il Presidente della commissione Esteri di Palazzo Madama è ” noto per le sue posizioni apertamente filorusse”.

Conte annuncia espulsione di Petrocelli

Tra le reazioni indignate sui social, anche quella di Giuseppe Conte che ne annuncia l’espulsione dal Movimento:

“Vito Petrocelli è fuori dal M5S . Stiamo completando la procedura di espulsione. Il suo ultimo tweet è semplicemente vergognoso. Il 25aprile è una ricorrenza seria. Certe provocazioni sono inqualificabili” scrive il Presidente del Movimento Cinque Stelle.

Alfieri chiede intervento della Casellati

Tra le prime reazioni politiche di altri esponenti politici, quella del Capogruppo Dem in Commissione Alessandro Alfieri: “Basta con queste continue provocazioni – afferma all’Agi -. Si è passati il segno. E’ ora che intervenga il presidente del Senato Casellati”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli