Il sindaco di Orio fa un appello e invita i suoi concittadini ad indossare di nuovo la mascherina

·2 minuto per la lettura
Focolaio nella zona di Codogno dopo una festa
Focolaio nella zona di Codogno dopo una festa

Il Covid dell’estate 2021 colpisce dove aveva fatto scempio nell’inverno e nella primavera del 2020 con un focolaio registrato a Codogno dopo una festa in un locale che aveva attirato molti giovani anche da paesi vicini: ci sono 4 positivi e 27 persone in isolamento dopo che erano emerse le positività e si era avviata una mappatura dei potenziali contatti fra i partecipanti all’evento. Le agenzie hanno battuto la notizia nel pomeriggio di oggi, 6 luglio, precisando che un certo numero di ragazzi è risultato positivo al covid – 19 dopo una festa che si era svolta in un locale di Codogno circa una decina di giorni fa.

Covid, focolaio a Codogno, dove il virus colpì più forte

Il clima di (comprensibile) rilassamento di questi giorni estivi e il calo generalizzato dei contagi hanno stanno determinando in molte zone d’Italia l’insorgenza di piccoli focolai di contagio che presentano caratteristiche specifiche, legate a due fattori. Il primo è quello direttamente connesso all’avanzare della Variante Delta, che a detta della comunità scientifica ha un tasso di contagiosità maggiore e tende a colpire quei soggetti che finora solo per la più parte ancora fuori dal recinto vaccinale, cioè i giovani ed i giovanissimi.

Covid, focolaio a Codogno: l’estate e il rilassamento dei giovani

Il secondo è invece legato al fatto che con l’arrivo dell’estate ed il moltiplicarsi delle occasioni di contatto crescono inevitabilmente anche le occasioni di contagio, dato che il virus in Italia sta arretrando vistosamente ma è ben lungi dall’essere debellato. Dei contagi registrato dopo la festa a Codogno ve ne sarebbero almeno 4 riconducibili a giovani cittadini di Orio Litta dove 27 persone si trovano in isolamento fiduciario. E proprio il primo cittadino di Orio, Francesco Ferrari, ha voluto lanciare un accorato appello agli abitanti del comune che amministra.

Covid, focolaio a Codogno, l’appello del sindaco di Orio: “Rimettete le mascherine”

Il sunto di quell’appello è che non sarebbe affatto cosa sconcia se tutti tornassero ad indossare le mascherine nelle more di questo evento. E non sarebbe male ricordare che i nuovi contagi dell’Italia che si sta vaccinando sono emersi in quella zona dell’Italia che un anno e qualche mese fa divenne simbolo incancellabile della mattanza che il coronavirus fece agli italiani, simbolo talmente dirompente che richiamare l’immagine delle decine di bare durante il primo lockdown è invito a non ripetere gli stessi errori: “Voglio chiedere ai miei concittadini, almeno in questi giorni, di indossare le mascherine come se fossimo ancora a due mesi fa, dato il focolaio. La pandemia andrà presto via, considerata anche la campagna vaccinale, ma, nel frattempo, bisogna avere ancora un po’ di pazienza. Soprattutto noi, in questi giorni”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli