Il sito di Marte dove atterrò Perseverance era davvero un lago

·2 minuto per la lettura

AGI - Il rover Perseverance ha ora confermato l'idoneità del suo sito di atterraggio: il cratere Jezero conteneva davvero un lago, in cui un fiume scorreva attraverso un delta 3,6 miliardi di anni fa.

La conferma arriva da un team internazionale di ricercatori guidati da ricercatori francesi del CNRS, il consiglio nazionale delle ricerche francese che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Science. Le immagini forniscono anche informazioni su dove il rover potrebbe cacciare al meglio i campioni, compresi quelli che potrebbero contenere segni di vita passata, noti come biofirme.

Miliardi di anni fa, quando Marte aveva un'atmosfera abbastanza densa da sostenere l'acqua che scorreva sulla sua superficie, i flussi dei fiumi trasportavano sabbia e ghiaia dagli altopiani circostanti verso il delta del fiume a forma di ventaglio di Jezero.

Il lago nel cratere – Lago Jezero – avrebbe potuto essere largo fino a 40 km e profondo decine di metri. Perseverance è atterrato al cratere Jezero il 18 febbraio 2021. Circa un mese dopo, le telecamere Mastcam-Z del rover e il Remote Micro-Imager (RMI) hanno ingrandito per dare un'occhiata più da vicino a una delle caratteristiche geologiche più massicce del cratere, la “Delta Scarp”. 

La scarpata contiene i resti di un delta fluviale che si è formato nel punto in cui si uniscono un fiume antico lungo 120 miglia e un lago largo 21 miglia. 

Il team scientifico di Perseverance ha rilevato una collina prominente, che hanno chiamato Kodiak, vicino alla scarpata e ha scoperto che conteneva strutture geologiche distintive. All'interno della sua parete rocciosa, hanno osservato metri di letti rocciosi inclinati racchiusi tra strati orizzontali che indicano depositi rocciosi dell'antico delta.  

Il team afferma che ciò conferma la presenza del delta che è stato costruito in un lago nel cratere Jezero e suggerisce che ci fosse un flusso d'acqua costante nel lago, il che è coerente con un clima marziano caldo e umido 3,7 miliardi di anni fa. 

Il co-autore principale dell'articolo, il professore Sanjeev Gupta, del dipartimento di Scienze e Ingegneria della Terra dell'Imperial College di Londra, ha dichiarato: “Questi risultati hanno un impatto sulla strategia per la selezione delle rocce per il campionamento. Il materiale a grana più fine nella parte inferiore del delta probabilmente contiene la nostra migliore scommessa per trovare prove di sostanze organiche e biofirme, e i massi in cima ci permetteranno di campionare vecchi pezzi di rocce crostali. Entrambi sono obiettivi principali per il campionamento e la memorizzazione nella cache delle rocce prima del Mars Sample Return, una missione futura per riportare questi campioni sulla Terra”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli