Il soprannome pensato dallo staff di corte per Meghan la dice lunga su cosa pensino di lei

Huffington Post
"Me Gain", infatti, e un esplicito gioco diparole tra il pronome "me" e il verbo "gain", che significa "guadagnare","ottenere"

Meghan Markle si sarebbe guadagnata un soprannome per nulla affettuoso da parte del personale di corte: una fonte ha rivelato al magazine Tatler che la Duchessa di Sussex, complice il suo carattere incontentabile, sarebbe chiamata "Me Gain" dallo staff reale. "Me Gain", infatti, è un esplicito gioco di parole tra il pronome "me" e il verbo "gain", che significa "guadagnare", "ottenere".

L'indiscrezione, ripresa dal Daily Mail, vorrebbe che fin dai primi tempi del fidanzamento ufficiale con il principe Harry, Meghan Markle fosse stata apostrofata in questo modo dallo staff e dagli assistenti di Buckingham Palace, a cui i suoi presunti modi pretenziosi non sono mai andati giù.

Oltretutto, ancora riferendosi all'ascesa reale di Meghan Markle, Tatler ha coniato il termine "Meghanomania", per cui non servono particolari spiegazioni linguistiche. "One year of Meghanomania" ("Un anno di Meghanomania") titolava la testata britannica nella giornata del 25 marzo 2019, parlando dei 365 giorni di tempesta mediatica che hanno visto protagonista l'ex attrice americana.


Cos'è questa domanda? Scopri il progetto Europe talks e leggi l'Informativa privacy completa in italiano

Insomma, nonostante lo staff reale tenda a smentire le voci su soprannomi e tensioni, i rapporti tra Meghan Markle e il personale di corte sembrano essere burrascosi. Solo qualche settimana fa era giunta notizia delle dimissioni dell'ennesima assistente personale della Duchessa, la quarta nel giro d pochi mesi. Si trattava di Amy Pickerill, una delle ultime arrivate nello staff che affianca Meghan. La donna aveva annunciato che avrebbe lasciato il posto di lavoro solo dopo la nascita del primo figlio di Meghan e Harry, ormai sempre più vicina e prevista per fine apMeghan Markle a corte è soprannominata "Me gain"rile.

Continua a leggere su HuffPost