Morto il successore di Al Baghdadi, Trump: “Ucciso da truppe americane”

successore al baghdadi morto

Il presidente Donald Trump ha annunciato una nuova vittoria nella lotta al fondamentalismo islamico. Dopo l’uccisione di Abu Bakr Al Baghdadi in un raid americano, anche il suo successore sarebbe morto per mano statunitense.

“Il successore di Al Baghdadi è morto”

“È stato appena confermato che il successore di Abu Bakr al-Baghdadi è stato ucciso dalle truppe americane. È altamente probabile che avrebbe preso il suo posto al vertice. Ora anche lui è morto” si legge sul profilo Twitter del numero uno della Casa Bianca. Trump non ha specificato il nome dell’erede del Califfo ucciso. Secondo quanto emerso dai media americani nei giorni precedenti, potrebbe trattarsi di Abdullah Qardash.

Dubbi sul racconto di Trump

Il presidente statunitense è però al centro delle polemiche dopo che il New York Times e il Guardian hanno sollevato non pochi dubbi sulla ricostruzione fornita da Trump. I quotidiani hanno evidenziato diversi punti critici, a partire dalla descrizione dell’ex numero uno dell’Isis urlante e piangente poco prima di farsi esplodere. I video visionati dai collaboratori di Trump sarebbero infatti stati privi di audio, motivo per cui il dettaglio delle urla non poteva essere noto al presidente.

Non solo: le immagini che immortalano i minuti finali della vita di Al Baghdadi (riprese dalle telecamere montate sui caschi dei soldati) sarebbero state consegnate alla Casa Bianca solo dopo la conferenza stampa in cui Trump ha invece fornito tutti i dettagli dell’operazione.