Il supersalone chiude con oltre 60mila presenze. Porro: sfida vinta

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 set. (askanews) - Sono oltre 60mila le presenze che hanno animato l'evento speciale del Salone del Mobile.Milano dal 5 al 10 settembre nei padiglioni di Fiera Milano. Un risultato lontano dai 386 mila visitatori della edizione 2019, e che tuttavia per gli organizzatori va oltre "ogni aspettativa in termini di affluenza e sancisce il rilancio della città, di un intero sistema e del Paese". Del resto i due eventi non sono neanche confrontabili. Il "supersalone" arriva dopo un anno e mezzo di pandemia che ha sospeso e anche cambiato il modo di viaggiare, organizzare gli eventi, vivere la città, si colloca in un periodo completamente diverso dal tradizionale aprile, la formula stessa, messa a punto dall'architetto Stefano Boeri, è estremamente diversa dalla tradizionale esposizione.

Eppure grazie anche alla presenza e alle parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ha sottolineato il coraggio e la qualità con cui si è dato vita alla manifestazione, è riuscito a rimettere in moto la città, facendosi anche volano per la sessantesima edizione della rassegna che andrà in scena dal 5 al 10 aprile 2022. 425 sono stati i brand espositori, di cui il 16% esteri a cui si sommano 170 giovani studenti provenienti da 22 Paesi e 39 designer indipendenti. Delle oltre 60mila presente in sei giorni, provenienti da 113 Paesi, più della metà sono stati operatori di settore e buyer (il 47% provenienti dall'estero). Quasi 1.800 i giornalisti accreditati da tutto il mondo.

Dietro questi risultati secondo gli organizzatori c'è "la forza attrattiva e la grande capacità di coinvolgimento di un format inedito e trasversale in cui le aziende hanno fortemente creduto. Il tutto con la garanzia della massima sicurezza per operatori e visitatori che, grazie al sistema di controlli Green Pass e agli hub per i tamponi agli ingressi, hanno potuto lavorare e visitare la manifestazione senza rischi".

"Chiudiamo questa edizione del Salone del Mobile.Milano con grande soddisfazione e tanta emozione. Era importante fare un primo ma decisivo passo, esserci e dare un segnale all'intero Paese. Ci siamo riusciti - commenta Maria Porro, presidente del Salone del Mobile.Milano - Grazie al lavoro di tutti: le aziende che si sono messe in gioco, il curatore Stefano Boeri e tutto il team di co-curatori, ma anche gli organizzatori, gli allestitori i designer e gli operatori della cultura e della comunicazione che, insieme, hanno creduto in questa manifestazione. Un ringraziamento particolare al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ci ha fatto sentire la vicinanza delle istituzioni. Scegliere di dare vita a questo 'supersalone' ha implicato una buona dose di coraggio e un'importante assunzione di responsabilità nei confronti di tutto il sistema e dell'intera filiera che avevano bisogno di un'occasione fisica e concreta, non solo simbolica e digitale, per spingere sull'acceleratore di una ripartenza che - lo abbiamo constatato questa settimana - è già realtà. Ma anche verso tutti i visitatori, ai quali dovevamo garantire le migliori condizioni in termini di sicurezza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli