Torna il Tamagotchi: ora ti fa fare selfie e ordinare d'asporto per l'animale

Gaia Terzulli
·2 minuto per la lettura
Torna il Tamagotchi: ora ti fa fare selfie e ordinare d'asporto per l'animale
Torna il Tamagotchi: ora ti fa fare selfie e ordinare d'asporto per l'animale

Tra le nuove funzioni ci sono la fotocamera interna e la possibilità di connettersi a un'altra console per far giocare l'animale con un amico

È tornato il Tamagotchi. A colori e con fotocamera incorporata. Sì, avete letto bene.

LA NUOVA VERSIONE

L’ovetto elettronico più amato dai bambini cresciuti negli anni Novanta rientra in commercio a quasi un quarto di secolo dal primo debutto e lo fa mantenendo le caratteristiche di sempre: il nucleo piccolo e ovoidale, i tre pulsanti necessari ad animare l’animaletto virtuale e lo scopo di accudirlo e mantenerlo in vita il più possibile.

LA FOTOCAMERA PER I SELFIE

Ma stavolta c’è una novità. La fotocamera interna che permette al proprietario del Tamagotchi di scattarsi dei selfie insieme alla bestiolina, che non è più in bianco e nero, ma a colori. E a cui il padrone può sia “cucinare” del cibo, sia ordinarlo d’asporto, proprio come nella vita reale.

DISEGNARE E CUCINARE VIRTUALMENTE

Il nuovo modello della mini console consente di interagire con l’animale domestico in molti modi diversi, per esempio disegnando, cucinando insieme a lui o scattandogli delle foto, si legge su CNN. L’animaletto può poi incontrare un suo simile e giocare insieme a lui. Come? Connettendo il proprio Tamagotchi con quello di un amico tramite un codice proprio del Tamagotchi e organizzando degli incontri di gioco. Come nella versione originale, anche in questo caso la console funziona senza il collegamento a una rete Wi-Fi.

DA QUANDO SI PUO' ACQUISTARE

Il nuovo giocattolo si può preordinare da adesso e acquistare a partire da luglio a 59,99 dollari. È già la seconda volta che Bandai, l’azienda produttrice, lo rimette in commercio in versione più smart e aggiornata. L’ultima volta è successo per il ventesimo anniversario di Tamagotchi, nel 2017.