Il Teatro Argentina di Roma riapre con la 'Metamorfosi' di Kafka

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Si rialzerà il 3 maggio il sipario del teatro Argentina di Roma, per la 'Metamorfosi' di Franz Kafka con la regia di Giorgio Barberio Corsetti, consulente artistico del Teatro di Roma di cui è stato direttore artistico fino all'inizio dello scorso anno. Lo spettacolo, dopo il debutto televisivo su Rai5, approda ora 'dal vivo' sul palcoscenico romano, dove sarà in cartellone fino al 9 maggio.

A precederlo, è stato il format Metamorfosi Cabaret, allestito nel periodo di chiusura per la pandemia da Covid. 'Metamorfosi' è un classico della letteratura che mantiene un forte aggancio alla contemporaneità, grazie all'esplorazione ora tragica ora comica del tema dell'isolamento, della perdita di contatti, della depressione determinata da alienazione ed estraniamento.

"Con una scrittura che coinvolge i corpi e racconta una trasformazione fisica che impatta sensi e linguaggio - si legge nelle note di regia - lo spettacolo porta in scena la potente allegoria di una vita scandita da moti dell’animo, ritmi lavorativi, rapporti familiari e sociali, sovrapposizioni e incomprensioni, che racchiudono gli elementi della nostra esistenza". In scena, Michelangelo Dalisi nel ruolo del protagonista Samsa, mentre Roberto Rustioni è il padre, Sara Putignano la madre, Anna Chiara Colombo la sorella.

(di Enzo Bonaiuto)