Il Teatro Del Monaco apre con Butterfly e Paolini

webinfo@adnkronos.com

Con il Comune di Treviso e il Teatro Stabile del Veneto il sipario del Teatro Mario Del Monaco del capoluogo trevigiano si apre su prosa, lirica, danza e sulla nuova rassegna di comici 'Divertiamoci a Teatro' per l'anteprima della stagione 2019/2020, presentata oggi alla presenza del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia dal Teatro Stabile del Veneto con il presidente Giampiero Beltotto e il direttore Massimo Ongaro e dal Comune di Treviso con il sindaco Mario Conte. In cartellone 25 titoli per oltre 50 serate di spettacolo e tante novità in arrivo nei prossimi mesi. 

In un teatro di tradizione come quello trevigiano non poteva che essere una delle opere più rappresentate al mondo ad inaugurare la riapertura della storica sala: il 25 ottobre sarà, infatti, 'Madama Butterfly' di Puccini con la Form - Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta dal Maestro David Crescenzi a dare il via all’intera programmazione.  

Apre il sipario sulla Stagione Teatrale invece Marco Paolini, che dal 22 al 24 novembre torna sul palcoscenico del teatro trevigiano con il suo ultimo spettacolo, 'Nel tempo degli dei', per parlare dell’oggi attraverso il mito di Ulisse. 

In un cartellone teatrale che spazia dai grandi classici agli autori contemporanei tre sono gli spettacoli prodotti dal Teatro Stabile del Veneto: 'La casa nova' di Carlo Goldoni, una commedia d’ambiente diretta da Giuseppe Emiliani con la Compagnia Giovani dello Stabile del Veneto; 'Il malato immaginario' con gli interpreti di Stivalaccio Teatro e 'La donna leopardo' della trevigiana Michela Cescon, che con la sua prima esperienza di regia teatrale porta in scena l’ultimo romanzo di Alberto Moravia. 

La programmazione coinvolge, poi, artisti amati dalla critica e dal grande pubblico come Umberto Orsini, che veste i panni del protagonista del 'Il costruttore Solness' nella versione del capolavoro di Ibsen diretta da Alessandro Serra; Sebastiano Lo Monaco, in scena nell’'Antigone' di Sofocle con Barbara Moselli e una compagnia di attori tutta siciliana, e Ale e Franz, che in 'Nati sotto contraria stella' guidano un cast di sette vecchi comici girovaghi chiamati a raccontare la dolorosa vicenda di Romeo e Giulietta. 

Gigio Alberti e Barbora Bobulova sono Anfitrione e Alcmena nella nuova e originale versione della commedia plautina riscritta da Sergio Pierattini e diretta da Filippo Dini, mentre Corrado Abbati dà vita sulla scena a un nuovo adattamento della celebre operetta di Strauss, Il Pipistrello.  

Ad arricchire il cartellone della stagione teatrale 2019/2020 è infine il talento di registe e attrici quali Serena Sinigaglia che nel suo 'Macbeth' conferisce uno sguardo profondamente umano ai personaggi del grande classico shakespeariano, e Teresa Mannino che in 'Sento la Terra girare' apre con la sua sferzante ironia una riflessione sui cambiamenti climatici. 

Dopo la 'Madama Butterfly' di Puccini diretta dal maestro Crescenzi in un allestimento curato da Fondazione Pergolesi Spontini, assieme al Teatro Mario Del Monaco di Treviso e al Teatro Comunale di Ferrara, la Stagione Lirica prosegue con 'La Statira', in cui Francesco Bellotto guida un gruppo di giovani e talentuosi artisti riportando sotto i riflettori l’opera del grande compositore veneziano Tomaso Albinoni.  

Chiudono infine la stagione due atti unici curiosamente affiancati: 'Rita' di Donzetti e 'Gianni Schicci' di Puccini, autentici capolavori di comicità affidati al maestro Fabrizio Da Ros ed eseguiti dagli interpreti vincitori delle audizioni per giovani artisti del Teatro Mario Del Monaco. 

'Evoluzioni', la Stagione di Danza del Teatro Stabile del Veneto, propone riletture di classici e contaminazioni di generi nel segno della più evidente multidisciplinarietà. Il programma ospita, infatti, artisti espressione di una ricerca continua di codici e segni come Virgilio Sieni, che in 'Petruska' rilegge con rigorosa eleganza il capolavoro di Stravinskij ispirato alla marionetta del teatro popolare russo, e la MM Contemporary Dance Company in 'Gershwin Suite/ Schubert frames', due coreografie pensate da Michele Merola e Enrico Morelli che trovano ispirazione nella musica e nell’arte. 

 

Vestendo i panni di un manager moderno il Figaro del Barbiere di Siviglia rappresentato dalla Compagnia Artemis Danza di Monica Casadei incarna l’immagine irraggiungibile di un uomo perfetto, mentre la compagnia Naturalis Labor in 'Cinderella Tango' racconta a passi di danza la storia di una cenerentola immersa in un’ambientazione dickensiana.  

Per le feste di Natale, invece, i solisti e i primi ballerini del Teatro alla Scala danno vita a un Gala di danza che spazia dai grandi classici ai temi sociali, con un omaggio a Nureyev accanto a coreografie neoclassiche e contemporanee. 

Novità assoluta di questa stagione è la rassegna 'Divertiamoci a teatro', che presenta cinque campioni della comicità come Ennio Marchetto, maestro indiscusso del trasformismo teatrale che animerà la sera di Capodanno con 'The living paper cartoon', Alessandro Fullin con 'Piccole gonne', Nino Frassica & Los Plaggers Band, gli Oblivion con 'La Bibbia riveduta e scorretta', e Carlo & Giorgio con 'Temporary show. Lo spettacolo più breve del mondo' diretto da Gioele Dix. 

Tante altre novità saranno svelate ad ottobre, a partire dalla rassegna 'Famiglie a teatro', che presenta appuntamenti dedicati ai più piccoli come la commedia musicale Buon Natale, Babbo Natale, per finire con la stagione concertistica. 

La stagione 2019/2020 porta novità anche per quanto riguarda gli abbonamenti delle stagioni di prosa, lirica e danza che a partire dal 24 settembre saranno in vendita presso la biglietteria del Teatro. Gli abbonati alla Stagione 2018/2019, inoltre, potranno esercitare il diritto di prelazione per rinnovare l’abbonamento confermando il proprio posto a teatro. Oltre alle tariffe standard che riservano agevolazioni per gli abbonati e il pubblico degli over 65, nasce per la prima volta a Treviso una tariffa speciale per gli under 26 con vantaggiose riduzioni pensate per favorire il pubblico dei giovani.