Il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni diventerà un polo di economia circolare

È stato l’ultimo atto del vecchio termovalorizzatore di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano: l’impianto, costruito una ventina di anni fa, è stato ufficialmente spento durante una cerimonia che segna l’inizio di una nuova era. Sullo stesso sito sorgerà un nuovo impianto, una Biopiattaforma, del Gruppo CAP, all’insegna dell’economia circolare a zero emissioni di Co2 di origine fossile: una struttura composta da un termovalorizzatore e da un depuratore, valorizzando, da un lato i fanghi della Città Metropolitana di Milano, per la produzione di calore per il teleriscaldamento e fertilizzanti, e dall’altro 30mila tonnellate di rifiuti umidi di 6 comuni per la produzione di biometano. abr/mrv/red