Il test per capire se il tuo cane soffre di demenza

no credit

AGI - Sono i più fedeli amici dell'uomo, al punto tale da assomigliargli in tutto e per tutto sempre più. Specie in una malattia terribile come l'Alzheimer. Di cui i cani soffrono al pari dei suoi padroni. I ricercatori hanno infatti scoperto che il rischio di “disfunzione cognitiva canina”, nota anche come "demenza da cagnolino", è molto maggiore nei cani che non fanno abbastanza esercizio. Tant'è che i fattori di rischio assomigliano ad alcuni negli esseri umani, di cui condividono non solo le case, ma ogni attimo della vita.

Ne tratta in un articolo il New York Times, che riferisce di un nuovo ampio studio su 15.019 cani iscritti al Dog Aging Project, un'indagine in corso sulla malattia e l'invecchiamento canino, pubblicato giovedì scorso sulla rivista Scientific Reports, la quale identifica i principali fattori associati al rischio di contrarre la malattia da parte di un cane.

Il risultato chiave è che l'esercizio fisico può svolgere – così come per l'uomo – un ruolo preventivo significativo. “Le probabilità di una diagnosi di disfunzione cognitiva erano 6,47 volte superiori nei cani segnalati come non attivi rispetto a quelli segnalati come molto attivi, hanno scoperto i ricercatori dell'Università di Washington. Ma hanno anche affermato che la malattia stessa potrebbe portare alla mancanza di esercizio, sottolineando che i risultati dello studio, che si basano sulle osservazioni dei proprietari, suggeriscono una correlazione, non una causalità”.

Tuttavia, le probabilità di contrarre la malattia sembrano aumentare anche nei cani che hanno disturbi neurologici o problemi di udito o vista. Annette Fitzpatrick, coautrice dello studio e professoressa di ricerca dell'Università di Washington con esperienza nella demenza nelle persone e nei cani, ha commentato: "Quando non ricevi stimoli dal mondo esterno, sembra aumentare il rischio di non essere nemmeno in grado di usare il cervello”.

Inoltre l'indagine dei ricercatori mostra che potrebbero esserci altre cose “di cui possiamo essere consapevoli, per cercare di ridurre l'insorgenza della disfunzione cognitiva". E certamente l'età conta. “L'aspettativa di vita di un cane dipende spesso dalla razza, dalle dimensioni e dalla massa corporea: pensa al mastino (da 6 a 12 anni) rispetto al chiuauha (da 12 a 20 anni). Durante gli ultimi anni della durata prevista della vita di un cane, ogni anno successivo ha contribuito alla potenziale insorgenza di malattie”, recita lo studio.

In effetti, i ricercatori hanno notato che i fattori di rischio correlati alla disfunzione cognitiva caninarispecchiano alcuni dei fattori per gli esseri umani con demenza, compreso il morbo di Alzheimer”: tra tutti i cani, giovani e anziani, era dell'1,4%, ma l'età media dei cani era di soli 6,9 anni e solo il 19,5% dei cani analizzati era nell'ultimo quarto della loro vita.

Demenza canina, un piccolo test da fare in proprio

I risultati sono il frutto ​​di un solo sondaggio sui proprietari circa la salute e lo stile di vita del proprio cane tra il 2019 e il 2020, tratto da un questionario sulla funzione cognitiva a soglia particolarmente alta. Tra le domande, spiccano queste: “quante volte il tuo cane cammina su e giù, cammina in cerchio e/o vaga senza direzione o scopo?”; “quante volte rimane bloccato dietro gli oggetti e non riesce a muoversi?” oppure “sbatte contro muri o le porte?” o, anche, “ha difficoltà a trovare il cibo che è caduto sul pavimento?”

"Le stime della longevità umana dicono che circa il 75% è dovuto all'ambiente e il 25% è genetico", spiega Matt Kaeberlein, biogerontologo dell'Università di Washington, co-direttore del Dog Aging Project. "Quindi i cani da compagnia ci danno l'opportunità di comprendere davvero il ruolo di quella variabilità ambientale nel processo di invecchiamento biologico".

Tuttavia la disfunzione cognitiva canina è difficile da individuare. L'apparente ignoranza di un comando banale da parte di un cane potrebbe indicare sordità o testardaggine da vecchiaia piuttosto che un cervello atrofizzato. I sintomi che sembrano disfunzioni cognitive potrebbero effettivamente essere da ictus, infiammazione cerebrale, diabete o malattia di Cushing.

Un consiglio professionale: “Guarda il tuo cane che ti guarda negli occhi e guarda per quanto tempo trattengono il tuo sguardo, soprattutto se hai un bocconcino sulla faccia", ha detto Nicole Ehrhart, veterinaria e direttrice del Columbine Health Systems Center for Healthy Aging presso la Colorado State University, “perché quando i cani hanno la demenza, non possono concentrarsi su cose su cui normalmente si concentrerebbero". Un semplice test da fare da soli per capire quanto il proprio animale è in sé o meno.

"Si scopre in definitiva che probabilmente il miglior amico dell'uomo è invecchiato insieme a lui per centinaia e centinaia di anni", ha detto il dottor Ehrhart. "Questa è una strada a doppio senso: tutto ciò che faremo per migliorare la salute e la durata della vita dei nostri cani è in grado di migliorare la nostra, e tutto ciò che stiamo facendo per gli esseri umani è molto probabile che migliori i nostri cani". E chi non lo vuole? Il movimento è il miglior antidoto. Come fare uno sport o semplici passeggiate e corse nei prati.