Il titolare dell'azienda è stato denunciato

·1 minuto per la lettura
tampone covid
tampone covid

Era risultato positivo al Coronavirus, ma al fine di non interrompere le attività della sua azienda ha mentito ai dipendenti e li ha costretti a recarsi a lavoro. Essi sono stati a stretto contatto con lui e due di loro sono stati contagiati. Il titolare di una ditta commerciale di Roma è stato per questa ragione denunciato.

L’esito del tampone

Lo screening sui dipendenti della ditta del quartiere Aurelio/Monteverde di Roma è iniziato quando uno dei due titolari e due dipendenti hanno contratto il Covid-19. Il resto dei lavoratori e l’altro titolare, dunque, si sono sottoposti a tampone. Mentre i dipendenti erano negativi, il titolare è risultato positivo. Eppure, alla loro domanda, ha risposto di non avere il virus. A prova di ciò ha inoltrato nel gruppo Whatsapp dell’azienda il referto, che però era manomesso.

A inizio mese dunque l’azienda, che opera nel settore commerciale, ha ripreso a funzionare normalmente. Soltanto dopo che anche gli altri due dipendenti sono stati anch’essi contagiati è stata aperta un’indagine. Gli inquirenti, in questo modo, hanno scoperto che il focolaio era scoppiato perché il titolare, con cui erano stati a stretto contatto, era in realtà positivo. Egli era obbligato a rimanere in isolamento domiciliare.

Il titolare dell’azienda è adesso denunciato a piede libero.