Il tour dei record di Eros Ramazzotti sbarca in America

Avl

Milano, 28 gen. (askanews) - Un inarrestabile "Vita ce n'è World Tour" quello di Eros Ramazzotti: dopo aver conquistato le più belle e importanti arene di tutta Europa, chiudendo inoltre la seconda leg italiana del tour con un incredibile show sold out nella massima configurazione al Mediolanum Forum di Milano il 20 dicembre, sbarca in America a partire dal 28 gennaio per 16 entusiasmanti show.

Una catena inarrestabile di successi: 35 mila spettatori agli show di Roma, 36 mila in quelli di Verona, 17 mila ad Amsterdam, 26 mila per gli show di Monaco e 12 mila per quelli a Tel Aviv, solo per citarne alcuni. Ad oggi sono oltre800 mila gli spettatori che hanno preso parte ai suoi concerti, in 5 continenti; sono oltre 90 le date in tutto il mondo per un tour che ha già toccato più di 70 città.

Ora Eros Ramazzotti è pronto a ripartire e conquistare gli Stati Uniti, attraversando le principali città del Nord e Sud America, partendo da Guatemala Citye toccando New York, Toronto, Los Angeles e Miami, passando per Buenos Aires e Chicago.

Una incredibile impresa live, una grandiosa avventura dalla produzione internazionale e dall'allestimento innovativo durante la quale, Eros porterà nelle arene più prestigiose del mondo, oltre ai grandi successi che l'hanno reso celebre e con cui ha conquistato milioni di spettatori in 35 anni di carriera, le canzoni del nuovo album "Vita ce n'è".

Sul palco insieme a Eros Ramazzotti, ottomusicisti d'eccezione e due coristi per una produzione internazionale: Luca Scarpa (Direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (Tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro(Chitarra), Paolo Costa (Basso), e le tre new entry internazionali Corey Sanchez (Chitarra), Eric Moore (Batteria) fenomeno dell'r'n'b e della musica gospel e Scott Paddock (Sassofono), americano celebre per le sue influenze jazz che ha collaborato, tra gli altri, anche con artisti del calibro di Natalie Cole, Jackson Browne, Ray Charles. Ad accompagnare la voce di Eros, Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori).