Il trionfo di Giannelli-Kageyama, un mondiale da manga

no credit

AGi - Il trionfo dell'Italia ai mondiali di pallavolo è arrivato nel segno del capitano Simone Giannelli che gli appassionati di pallavolo nel mondo hanno imparato a conoscere anche attraverso il suo 'alter ego' Tobio Kageyama, protagonista della popolarissima serie d'animazione sportiva giapponese 'Haikyuu!!-L'asso del volley'.

Tratta dall'omonimo manga scritto e disegnato da Haruchi Furudate, è la storia di un ragazzino, Shoyo Hinata, che riesce a diventare campione di pallavolo nonostante la bassa statura e diventa amico e compagno del suo antagonista Kageyama fino ad approdare insieme nella nazionale giapponese che dovrà disputare le Olimpiadi di Tokyo.

Tobio Kageyama as Simone Giannelli pic.twitter.com/wowGaw30HX

— alex BSD S4 (@moonljghtsvki) January 4, 2021

Kageyama è alto due metri e quindi anche troppo per il suo ruolo di palleggiatore, proprio come il 26enne bolzanino in forza alla Sir Safety Perugia a cui assomiglia anche nei lineamenti. Per questo i tifosi e le riviste specializzate lo hanno universalmente identificato con Giannelli, con cui condivide grandi prodezze come le alzate a una mano.

La serie prodotta dal 2014 dalla Production I.G. è arrivata alla quarta stagione ed è una delle piu' riuscite sullo sport di tutti i tempi, un 'cult' per i giocatori e gli appassionati del volley. In Italia è stata trasmessa doppiata su Amazon Prime Video rinverdendo i fasti dei cartoni animati sulla pallavolo degli anni '80 come "Mimi'" e "Mila e Shiro".

Giannelli, lui stesso un fan dei manga (adora "One Piece") e protagonista di un manuale della pallavolo a fumetti edito da BeccoGiallo, è stato accostato anche a un altro giocatore di 'Haikyuu!!', Daichi Sawamura, come lui capitano della squadra del liceo Karasuno e capace di innescare un incredibile spirito di collaborazione tra i compagni.

La stessa collaborazione che ha animato il team allenato da Fefè De Giorgi nei mondiali vinti in Polonia. Del resto la vita esemplare del 'setter' di Bolzano potrebbe essere tratta da un manga: fidanzato con la bellissima 22enne trentina Selly Montibeller, studentessa universitaria con un passato da miss, laureato in Scienze dell'Alimentazione, Giannelli ha iniziato a giocare a pallavolo a 11 anni e gia' nel 2015 è stato convocato nella nazionale maggiore, con cui si aggiudica nello stesso anno la medaglia d'argento in Coppa del Mondo e quella di bronzo agli europei.

L'anno seguente conquista l'argento ai Giochi di Rio de Janeiro e un altro argento alla Grand Champions Cup 2017. Nel 2021 ha conquistato gli europei venendo premiato come MVP (un riconoscimento che di solito va agli schiacciatori), proprio come accaduto ai mondiali vinti in Polonia, in cui è stato giudicato anche il miglior palleggiatore.