Il Veneto si prepara per il piano sanitario dell'autunno

luca-zaia fase 4

Nei primi giorni di avvio della fase 3, il governatore del Veneto Luca Zaia sta già preparando il piano sanitario per la 4. Annunciando che prevede di schierare l’artiglieria pesante, ha spiegato che il progetto replicherà come base i numeri relativi al picco massimo dell’emergenza coronavirus.

Luca Zaia annuncia la fase 4

Sarà comunque una fase complicata e il piano dovrà essere scritto ad hoc, con molta attenzione e precisione, ma anche più preparazione rispetto a prima“, ha esordito. Infatti tornerà per esempio l’influenza, male di stagione, ed è inevitabile che appena qualcuno manifesterà febbre avrà il timore di essere infetto.

Per questo motivo sarà necessario mettere in campo moltissime forze e puntare sul testing e sulla diagnostica. “Non possiamo abbassare la guardia perché non possiamo sapere cosa accadrà“, ha proseguito. In Cina infatti, mentre l’emergenza sanitaria sembrava conclusa, si sono verificati nuovi focolai con decine di positivi nella capitale e intere zone messe in quarantena. Pur consapevole che tutto, anche la riapertura delle frontiere, comporta dei rischi, “sono rischi che dobbiamo correre perché siamo nella fase di convivenza col virus“.

Quanto poi alla ripresa delle scuole, Zaia ha spiegato che entro lunedì 15 giugno trasmetterà al Ministero le nuove linee guida regionali. Tra le altre partite aperte, oltre a quella di teatri e discoteche dove la sua regione ha previsto delle modifiche rispetto al dpcm, ha menzionato quella delle case di riposo. A tal proposito ha annunciato che in settimana si farà carico del problema e provvederà a mettere in tranquillità i gestori e consentire ai familiari di tornare a vedere gli ospiti.