Il video della 69enne malata terminale accompagnata da Marco Cappato postato dalla “Luca Coscioni”

Elena nel video pubblicato dalla "Luca Coscioni"
Elena nel video pubblicato dalla "Luca Coscioni"

In tema di suicidio assistito arriva l’ultimo messaggio di Elena che spiega con la serenità di un contenuto rammarico: “Avrei preferito morire nel mio letto”. Il video della 69enne malata terminale accompagnata da Marco Cappato a morire in zona Basilea dove oggi è deceduta come da suo desiderio è stato postato dall’associazione “Luca Coscioni”.

“Racconto la mia storia per chi è messo come me”

Spiega Elena: “Ho deciso di raccontare la mia storia perché penso che possa tornare utile a molte persone che si trovano o si troveranno nella mia situazione”. E poi: “Io a inizio luglio 2021 ho avuto la diagnosi di microcitoma polmonare. Il tumore era già di proporzioni importanti. Dall’inizio i medici avevano detto che avrei avuto poche possibilità di uscirne, ma anche se le possibilità erano poche ho ritenuto che valesse la pena tentare”. Un tentativo, quello di Elena, che “non è costato poco fisicamente e psicologicamente ma l’ho fatto. Purtroppo non ho risolto il problema e mi è stato detto che avrei avuto ancora qualche mese di sopravvivenza. Mi è stata anche descritta una situazione che via via sarebbe diventata sempre più pesante. Non ho nessun supporto vitale per vivere, solo una cura a base di cortisone”.

Il sostegno e la comprensione della famiglia

Poi la donna ammette: “Mi restava solo da aspettare che le cose peggiorassero. A questo punto, mettendo in pratica una convinzione che avevo già in tempi non sospetti, ho deciso di valutare la possibilità di terminare io la mia vita prima che lo facesse in maniera più dolorosa la malattia stessa. Ho parlato chiaramente con la mia famiglia, ho avuto la comprensione e il sostegno che potevo desiderare ma naturalmente si cerca sempre di procrastinare questo evento. Mi hanno appoggiata, capita e sostenuta“.

“Avrei preferito morire nel mio letto”

E rivolgendosi a Cappato: “Non volevo che i miei cari accompagnandomi potessero avere ripercussioni legali e fossero accusati di avermi istigati a prendere una decisione che è sempre stata solo mia. Ho dovuto scegliere se trovandomi davanti a un bivio volevo percorrere una strada più lunga ma che portava all’inferno, o una più breve che mi avrebbe portato qui a Basilea. Ho scelto questa seconda opzione”. Poi la chiosa: “Sono sempre stata convinta che ogni persona debba decidere per la propria vita e sulla propria fine liberamente. Io credo di averlo fatto dopo averci pensato parecchio. Avrei preferito finire la mia vita nel mio letto, tenendo la mano di mia figlia e mio marito ma questo non è stato possibile e ho dovuto venire da sola qui”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli