Il vino italiano, eccellenza da sostenere per Intesa Sanpaolo

·2 minuto per la lettura
Il vino italiano, eccellenza da sostenere per Intesa Sanpaolo
Il vino italiano, eccellenza da sostenere per Intesa Sanpaolo

Milano, 16 dic. (askanews) – Una soluzione finanziaria per sostenere il settore vitivinicolo che, pur nella sua comprovata eccellenza, sta pagando un prezzo alto per la pandemia da Covid -19. Intesa Sanpaolo ha lanciato un progetto su scala nazionale per i produttori di vini nobili che si basa sul principio del “pegno rotativo”. Ci siamo fatti spiegare di cosa si tratta da Andrea Lecce, capo della Direzione Sales & Marketing privati e aziende retail di Intesa Sanpaolo.

“Di fatto l’azienda vitivinicola – ha spiegato ad askanews – può dare il proprio prodotto, che è in fase di affinamento e che tiene nelle proprie cantine e ne ha la totale disponibilità, in cambio di un finanziamento, quindi è come se rimettesse in circolo il valore del vino che si sta affinando. E questo è un modo importantissimo per dare già valore a quella che è la produzione”.

Il progetto della banca si avvale della collaborazione di Federdoc, confederazione nazionale dei consorzi volontari per la tutela delle denominazioni dei vini italiani, e di Valoritalia, società leader nelle attività di controllo sui vini DOCG, DOC e IGT e organismo di controllo sul vino biologico e sull’agricoltura biologica.

“La banca – ha aggiunto il direttore Lecce – interviene dicendo: riconosco quel valore e quindi diamo una componente di finanziamento perché quel valore entrerà nel mercato. In questo modo, anziché dover andare presso una struttura finanziaria per prendere un finanziamento senza garanzie, è come se garantissero con la loro produzione”.

Il progetto è già partito e con l’inizio del nuovo anno entrerà nel vivo. L’obiettivo di Intesa Sanpaolo è di ridare slancio al settore vitivinicolo, che per la crisi Covid ha visto perdite fino al 40%. Ma il gruppo bancario crede che ci siano ampi margini di ripresa.

“Dove c’è qualità – ha concluso Andrea Lecce – c’è effettivamente la possibilità di essere più resilienti rispetto all’andamento di mercato, quindi siamo ottimisti su un settore che è veramente strategico per l’Italia”.

Qualità che è testimoniata da alcuni numeri: nel 1986 si producevano in Italia 77 milioni di ettolitri di vino, per un valore pari a 1,3 miliardi di euro, mentre oggi si produce il 35% in meno, ma il valore è salito a 4,3 miliardi, ossia più del triplo.