Il volto della ricerca contro le malattie rare e la progeria ha ottenuto il vaccino

·2 minuto per la lettura
Sammy Basso
Sammy Basso

Sammy Basso, volto dell’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso, da lui fondata, ha ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid. Il giovane è affetto da progeria ed è il volto della ricerca contro le malattie rare.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Sammy Basso vaccinato contro il Covid

Nonostante la mia ormai ben nota paura verso gli aghi dietro la mascherina c’era un sorriso. Vaccinare le fasce a rischio della popolazione è il primo passo per uscire dall’emergenza in cui versiamo. Sono felice di aver fatto la mia parte perché la vaccinazione è una protezione per me e chi mi circonda” ha scritto Sammy Basso sul suo account Facebook. Il giovane ha ringraziato i medici, gli infermieri e gli organizzatori che stanno lavorando per portare avanti questa campagna vaccinale, concludendo con un ringraziamento a tutti coloro che lo hanno seguito in questa giornata per lui così importante. Sammy ha voluto rendere partecipi tutti di questo passo per lui così importante in un momento così delicato.

Vaccinare le fasce a rischio e in seguito la restante popolazione è il primo passo verso una rapida conclusione dell’emergenza. Il nostro grazie va a tutti i medici, infermieri ed organizzatori che si stanno adoperando affinché tutto vada avanti per il meglio” è un messaggio dedicato anche da parte dell’Associazione per la Progeria. Sammy Basso, nel 2019, era diventato Cavaliere della Repubblica per il suo impegno a favore dei malati di progeria. “Questa onorificenza non è merito di una sola persona, ma di tutti coloro che negli anni hanno lavorato sodo per dare vita a questa missione” aveva spiegato Sammy quando ha ricevuto la nomina. Il giovane è diventato dottore magistrale in Molecular Biology nella giornata del 24 marzo con il voto di 107 su 110. Per lui era la seconda laurea, dopo quella conseguita nel 2018, quando aveva portato una tesi interamente dedicata alla sua malattia.