Ilaria Cucchi: "Io candidata a sindaco di Roma? Falso. Faccio politica in mezzo alla gente"

HuffPost
Ilaria Cucchi

“Prima gli insulti e le minacce ora le fake news”. All’indomani dell’annuncio della querela contro Salvini, Ilaria Cucchi dichiara che non si candiderà a sindaco di Roma. Di non avere “nessuna intenzione” di farlo. E smentisce così le parole di Matteo Salvini che, poco prima, aveva detto: “Ilaria Cucchi? Non l’ho più sentita.
Ho visto che si candida sindaco a Roma... va beh, non faccio commenti”.

Ma la sorella di Stefano sul punto chiarisce: “Non invidio certo la posizione della sindaca Raggi e mai mi sognerei anche solo di immaginare di prendere il suo posto. La politica io la faccio tutti i giorni in mezzo alla gente e non coi soldi dei cittadini”. In un’intervista in mattinata aveva ricordato quanto avvenuto qualche anno fa: “Io quella volta lanciai un appello, che ero pronta a presentarmi come sindaco di Roma purché tutti i partiti facessero un passo indietro - ha detto - Più una provocazione che altro, infatti sono rimasta a casa. Se succedesse adesso? Ora penso a godermi questo momento di riconciliazione con me stessa. Avevamo ragione noi, valeva la pena andare avanti, faccio ancora fatica a pensare che ce l’abbiamo fatta”.

Sulla vicenda Cucchi in giornata è intervenuto anche il capo della Polizia, Franco Gabrielli:  “Credo che quanti, negli anni, hanno dato giudizi avventati sulla vicenda Cucchi dovrebbero oggi chiedere scusa ai familiari, ma vedo un approccio manicheo e giudizi espressi con l’emotività del momento”. A proposito della sentenza del 14 novembre ha dichiarato: “Dovrà passare al vaglio dell’Appello e della Cassazione, e tutti dovrebbero avere rispetto prima di fare affermazioni. Chi ha espresso giudizi avventati dovrebbe chiedere scusa. Ma l’enfasi contraria dovrebbe essere contrastata”

Leggi anche...

Continua a leggere su HuffPost