Ilva, Boccia: azienda non può spegnerla, commetterebbe più reati

Pol/Arc

Roma, 15 nov. (askanews) - "La proprietà non deve assolutamente permettersi di spegnere la fabbrica. Non ne ha il diritto. Commetterebbe più reati. Se vogliono lasciare la fabbrica hanno il dovere di lasciarla così com'è. Questo è un contratto di affitto. L'hanno trovata accesa e la lasciano accesa. Non spengono i forni. Soprattutto l'altoforno 2. Sarebbe di una gravità inaudita. Il governo è sempre disponibile ad incontrare l'azienda. Ma quello che non consentiamo a Mittal è di essere ricattati". Lo ha affermato Francesco Boccia, ministro degli Affari regionali, ai microfoni di Rai Radio1 all'interno di "Radio1 In Viva Voce" condotto da Ilaria Sotis e Claudio De Tommasi.

"La dimensione ecologica ed economica devono andare a pari passo - ha proseguito il ministro -. Noi continueremo a produrre acciaio. Se non lo farà Mittal lo farà l'amministrazione straordinaria con l'intervento ponte dello Stato e poi troveremo altri imprenditori in Italia e nel mondo che vogliano ancora partire da Taranto. Su questo il governo è compatto".