Ilva, Della Vedova: prestito ponte? No a una nuova Alitalia

Pol/Arc

Roma, 18 nov. (askanews) - "Le dichiarazioni del Ministro Boccia, che a nome del governo ipotizza un 'prestito ponte' per l'amministrazione straordinaria degli impianti ex Ilva in vista di una nuova gara tra due anni, non è un piano B. È piuttosto una perversa coazione a ripetere gli stessi errori fatti più e più volte con Alitalia". Lo afferma il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova.

"Sull'Ilva la prima cosa che deve fare il Governo è un decreto che reintroduca lo scudo penale. Poi si discuta con Arcelor Mittal ed eventualmente con altri, e solo alla fine si consideri un eventuale impegno dello Stato che deve rispettare le regole e proporre una strategia. Altrimenti - conclude Della Vedova - il copione è già scontato: facciamo scappare un investitore da 4,2 miliardi, offrendogli l'alibi perfetto per disimpegnarsi, e poi condanniamo gli italiani a pagare il costo di un simile disastro".