Ilva: stop alla produzione. Ferrante impugna provvedimento

(ASCA) - Roma, 11 ago - L'Ilva dovra' risanare gli impianti

dell'area a caldo sequestrati per disastro ambientale ma

''senza prevedere alcuna facolta' d'uso'' degli stessi ''a

fini produttivi''. E' quanto disposto dal gip di Taranto,

Patrizia Todisco, in un provvedimento notificato ieri

all'Ilva nel quale si specifica anche il ruolo dei custodi

giudiziari.

La nuova ordinanza del gip di Taranto assegna le funzioni

ai quattro commissari giudiziali ed esclude Bruno Ferrante,

presidente dell'Ilva, dalla gestione delle attivita' delle

aree a caldo limitandolo, invece, alle sole aree non

sequestrate. Immediata la replica dell'Ilva che ha dato

mandato di impugnare il provvedimento, ritenuto ''una scelta

insostenibile'', davanti al Riesame e ha convocato il cda

della societa' ''per le determinazioni conseguenti''.

Ricerca

Le notizie del giorno