“Immacolata contraccezione”: party a Bologna che fa infuriare Salvini

immacolata contraccezione bologna

Scatena polemiche in tutto il partito della Lega la locandina di Bologna che pubblicizza un party universitario chiamato “Immacolata contraccezione”. A denunciare l’evento organizzato dai collettivi universitari del capoluogo Emiliano sono stati Luca Toccalini, deputato e coordinatore federale della Lega Giovani, e Nicolò Malossi, coordinatore provinciale Lega Giovani Bologna. Per i due esponenti del Carroccio si tratta di una “festa blasfema” che deride e umilia la Madonna. Nella locandina, infatti, la figura della Vergine è contornata di preservativi che sembrano piovere dal cielo. Anche Matteo Salvini commenta su Facebook l’evento parlando di una “vergogna”.

Bologna, “Immacolata contraccezione”

“Apprendiamo dalle pagine Facebook dei collettivi di sinistra dell’Università di Bologna dell’organizzazione di una festa chiamata ‘Immacolata contraccezione‘” scrivono i due esponenti leghisti sui social. La festa universitaria è in programma per questa sera (6 dicembre) nello spazio “Lab Deriva”. Gli organizzatori, da quanto si apprende, sarebbero Link e Mala educacion, l’associazione degli studenti Lgbt dell’Ateneo bolognese.

La locandina dell’evento, inoltre, mostra “la Madonna derisa” contornata da contraccettivi che piovono dal cielo. Si tratta di “uno squallore blasfemo inaccettabile, corredato da insulti a Salvini ed altri esponenti della Lega” proseguono ancora i leghisti. Luca Toccalini e Nicolò Malossi, di fronte a questo uso improprio dei simboli religiosi, chiedono “l’immediato intervento del Rettore”, in quanto “queste cose sono inaccettabili all’interno di una Università pubblica. Cosa ne penseranno i loro amici delle sardine e Bonaccini?”.

Le reazioni

Sull’episodio è intervenuto anche il senatore Simone Pillon, che denuncia sui social: “Guardate che schifezza. Ecco cosa sono capaci di produrre i collettivi di estrema sinistra a Bologna. Scopro su Facebook che hanno organizzato un party blasfemo contro la Vergine denominato ‘Immacolata contraccezione’. Offensivo per tutti i cattolici del nostro Paese e non solo. Il tutto per attaccare me, Salvini e Fontana. Quanto sono tristi”.

Duro anche il commento del leader della Lega, Matteo Salvini, che su Facebook scrive: “Questa non è satira, è una vergogna“.