Immigrati, Acli: Ius Soli legge di civiltà

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 mar. (askanews) - "Le leggi di civiltà dovrebbero appartenere a tutto il Parlamento, ancor più se si tratta di un Governo dichiaratamente europeista. Non impegnarsi proprio oggi sullo ius soli sarebbe una contraddizione in termini". E'quanto affermano le Acli che ricordano che "la legge sulla cittadinanza giace in Parlamento da venti anni. Quanti giri di giostra dobbiamo ancora aspettare perché il nostro Paese si doti di una legge adeguata all'attuale situazione? Nelle scuole del nostro Paese, l'incidenza degli alunni stranieri è del 10%; degli 860.000 studenti il 64,4% è nato in Italia e in molti casi l'unica lingua che parla è l'italiano. Oltre al diritto allo studio e allo sport, - aggiungono le Acli - auspichiamo che a questi ragazzi sia data finalmente la cittadinanza, per creare cittadini del domani a 360° e non persone rancorose in attesa di una legge di civiltà". "Il Parlamento e il Governo - conclude l'associazione cattolica - si pongano l'obiettivo di promuovere una riforma organica sull'immigrazione partendo dal principio che essa non è un inciampo della storia ma è parte integrante della vicenda umana. Un paese che sa guardare al suo futuro non discrimina e non respinge ma accoglie e integra".