Immigrati, Intersos, no a rinnovo memorandum Italia-Libia -4-

vgp

Roma, 23 ott. (askanews) - Come dichiarato dalle Nazioni Unite, dal Consiglio d'Europa e dalla Commissione europea nonché dalla stessa magistratura italiana, la Libia non può in alcun modo essere considerato un Paese sicuro e dunque le persone che tentano di fuggire non possono essere rimandate in quel Paese. Lo vietano il diritto internazionale e la nostra Costituzione. I respingimenti "delegati" dalle autorità italiane alla Guardia costiera libica comportano esattamente le stesse violazioni per le quali l'Italia è già stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo nel 2012.