Immigrazione, leader Ue cercano compromesso con aumento arrivi

·2 minuto per la lettura
Il primo ministro belga Alexander De Croo partecipa a un vertice faccia a faccia dei leader dell'Unione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - I leader dell'Unione europea hanno rinnovato i loro sforzi per superare le differenze su come gestire gli immigrati, con gli arrivi che aumentano e la Bielorussia che sta mettendo in atto quello che il blocco denuncia come un ricatto sull'immigrazione.

Mentre i numeri totali dell'immigrazione sono bassi se paragonati alla popolazione del blocco di circa 450 milioni di persone, la questione alimenta il sostegno ai gruppi nazionalisti e populisti in tutta la Ue, rendendo difficile raggiungere un compromesso tra i suoi 27 membri.

"Gli ultimi mesi hanno dimostrato che la pressione della migrazione non sta diminuendo. In realtà sta aumentando di nuovo", ha detto il nuovo cancelliere dell'Austria, Alexander Schallenberg.

Appoggiando l'appello della Lituania per il finanziamento da parte della Ue di infrastrutture per le frontiere fisiche, come droni o recinzioni, il cancelliere ha detto che è essenziale un rafforzamento delle frontiere esterne del blocco.

Circa 5.100 migranti sono arrivati attraverso il Mediterraneo finora quest'anno, secondo i dati delle Nazioni Unite, mentre diverse migliaia hanno attraversato le frontiere dai tre Paesi della Ue confinanti con la Bielorussia.

Tuttavia, l'agenzia di frontiera della Ue Frontex ha detto che quasi 134.000 persone hanno cercato di entrare nel blocco da tutte le direzioni finora quest'anno, quasi il 50% in più rispetto alle cifre riportate per i primi nove mesi del 2019, prima della pandemia di Covid-19.

Lussemburgo, Germania, Francia, Paesi Bassi e Belgio hanno accolto molti dei rifugiati e dei migranti entrati nel blocco da quando il picco degli arrivi irregolari attraverso il Mediterraneo ha travolto l'Unione nel 2015-16.

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha detto che questo non è giusto, chiedendo sia misure per proteggere la frontiera esterna dalla migrazione irregolare che aiuti per i rifugiati in cerca di asilo.

"Tutti e 27 possiamo farlo insieme", ha detto.

I suoi commenti vanno dritti al cuore delle diatribe interne alla Ue, con Polonia e Ungheria che si rifiutano di ospitare chiunque arrivi dal Medio Oriente e dal Nord Africa per aiutare i Paesi meridionali di arrivo e quelli ricchi di destinazione.

Secondo la Ue, la Bielorussia starebbe incoraggiando la migrazione come ritorsione per le sanzioni che il blocco ha imposto al Paese in seguito alle elezioni contestate e alle violazioni dei diritti umani. La Bielorussia ha incolpato la Ue per la crisi umanitaria che si sta creando ai suoi confini.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli