Immunità di gregge, Lopalco: "Difficile da prevedere"

·1 minuto per la lettura

L’immunità di gregge dal coronavirus? "Dipende dalla combinazione di immunità naturale con immunità vaccinale. Difficile dunque dare un livello di copertura che indichi l’immunità di gregge perché non conosciamo l’esatta quota di soggetti che hanno avuto l’infezione e molti soggetti che hanno avuto l’infezione sono anche stati vaccinati, quindi c’è una certa sovrapposizione delle due popolazione". Lo ha spiegato all'Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla Salute della Regione Puglia.

"Sappiamo che con l’80% della popolazione immune la circolazione del virus si spegne. Ma per arrivare a questo traguardo dobbiamo vaccinare anche i minorenni. In questo momento lo scopo della vaccinazione resta quello di proteggere la popolazione più fragile dalle forme gravi di malattia", conclude Lopalco.