Immunità parlamentare, Caiazza: "D'accordo ma non è priorità"

(Adnkronos) - "In linea di principio condivido totalmente, perché l'abolizione dell'immunità parlamentare è una delle cause più evidenti dello squilibrio tra potere giudiziario e potere politico. Ma credo che in politica si debba agire ragionando secondo criteri di priorità e di opportunità. Alla luce di questi criteri non mi sembra un'urgenza". Così Gian Domenico Caiazza, presidente dell'Unione delle Camere penali, interviene, interpellato dall'Adnkronos, sull'idea dell'ex magistrato Carlo Nordio, candidato nelle liste di Fratelli D'Italia, di ripristinare l'immunità parlamentare.

"Bisogna ragionare sull'impatto che ha e su come offra il destro a speculazioni - spiega - Introdurre riforme di natura costituzionale e molto impegnative, che scatenerebbero il populismo più sfrenato, finirebbe per indebolire l'intero pacchetto di riforme".