Immunità, “il ritardo dei vaccini apre scenari oscuri”: parla Andreoni

·1 minuto per la lettura
Immunità, “il ritardo dei vaccini apre scenari oscuri”: parla Andreoni (Photo by Luka Dakskobler/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)
Immunità, “il ritardo dei vaccini apre scenari oscuri”: parla Andreoni (Photo by Luka Dakskobler/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

L’infettivologo Massimo Andreoni, intervistato dall’Adnkronos, ha parlato degli scenari oscuri che si aprono in seguito ai ritardi sulla consegna dei vaccini: "Possono mettere in difficoltà il sistema e farci correre dei rischi che non possiamo permetterci”.

GUARDA ANCHE - Covid, cos’è la variante brasiliana

“La campagna - ha spiegato l’esperto - deve essere rapida per arrivare a vaccinare il 70% della popolazione e raggiungere l'immunità di gregge. Se invece, ma spero non accada, i ritardi dei vaccini faranno slittare le immunizzazioni oltre i 6-9 mesi entriamo in uno scenario che ancora non conosciamo perché non sappiamo quanto dura l'immunità vaccinale”.

“I primi vaccini sono stati fatti il 27 dicembre 2020, se non acceleriamo rischiamo di ritrovarci persone senza più immunità", ha dichiarato.

L’esperto ha poi parlato della colchicina, un vecchio farmaco orale usato contro la gotta, che "sembra essere promettente nella lotta contro Sars-CoV-2 soprattutto nei pazienti che si possono curare a casa".

In Italia l'Aifa ha autorizzato la sperimentazione clinica della colchicina: "È un trial clinico e abbiamo raggiunto il 50% degli arruolamenti - ha spiegato l’infettivologo - per i risultati occorre però ancora qualche mese".

GUARDA ANCHE - Coronavirus, caos vaccini: il punto su chi e quando li produce

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli