Impara la musica e diventa un chitarrista con gli accordi di base

webinfo@adnkronos.com
·3 minuto per la lettura

Milano, 28 ottobre 2020 - Ognuno nella vita almeno una volta ha sognato di possedere la sua tua chitarra, stringerla tra le mani e diventare il re del falò tra amici, o della serata. I più motivati lo fanno davvero, e dopo il suo acquisto iniziano a provare una canzone facile sul loro nuovo strumento. Secondo i dati sulla pratica della chitarra infatti, nel mondo ci sarebbero 50 milioni di chitarristi, di cui il 16% musicisti professionisti, il 43% desiderosi di diventare professionisti e il 41% di dilettanti.

Sul web si possono trovare rapidamente accordi chitarra, tablature o spartiti facili dei brani più celebri, ma bisogna sapere innanzitutto come leggerli.

Molti principianti che cercano di imparare a suonare la chitarra in modo indipendente sono rapidamente frustrati. O non capiscono bene cosa stanno leggendo o non sono sanno proprio da dove cominciare.

Per imparare a suonare la chitarra servono due pilastri: accordi e ritmo. In particolare bisogna sapere cos'è un accordo, come leggerlo, come iniziare a suonare correttamente gli accordi più facili e come passare da un accordo all'altro. Questo è un passo essenziale in ogni percorso per imparare a suonare la chitarra.

Prima di imparare come affrontare gli accordi di base e conoscere la diteggiatura di ciascuno di essi, potrebbe essere opportuno imparare come sono costruiti. La teoria musicale è un po' come la grammatica della musica. Ci si può anche riuscire ad imparare a suonare senza conoscere l'intera teoria, ma a un certo livello di pratica, non conoscere la teoria musicale diventa invalidante.

Prima di diteggiare gli accordi è necessario capire almeno come sono costruiti. Un accordo è una combinazione di almeno tre note. Queste tre note sono costituite da intervalli tra le note, che vengono chiamati "tono" e "semitono".

Sul manico di una chitarra, ogni tasto rappresenta un semitono. Quindi, ad esempio, un Mi basso - la prima corda - aperto è un Mi, ma pizzicato al primo tasto, la corda produce un Fa (un singolo semitono tra E e F). Una lezione di chitarra per principianti, sia da autodidatti che con un insegnante, non dovrebbe essere troppo pregna di teoria musicale. Tuttavia, la comprensione degli intervalli delle note aiuta ad accelerare la comprensione degli accordi di chitarra.

Sebbene questi fondamenti di teoria siano necessari per diventare un chitarrista, secondo molti musicisti, si può anche imparare per il piacere di suonare cose semplici, senza prima seguire lezioni di teoria musicale. Per Django Reinhardt, molti chitarristi gypsy jazz e le icone del rock degli anni '60 come Jimi Hendrix, per esempio, saper leggere le tablature non era la cosa più importante, quello che importava era che la chitarra suonasse a ritmo del proprio cuore.

Tuttavia, imparare a suonare la chitarra non è un’arte che può essere inventata: ci vuole molto rigore per posizionare correttamente le mani, le dita perpendicolari al manico, per usare correttamente il plettro, per assimilare le posizioni degli accordi, per suonare a ritmo (sul metronomo), eccetera. Prima di poter improvvisare, ci vorrà del tempo!

Le canzoni più facili da suonare sono le canzoni dei bambini perché bisogna conoscere solo gli accordi di base; sono molto brevi e le corde vanno solo pizzicate. Ci sono anche molte canzoni rock e pop che richiedono solo le basi, una delle più celebri e suonata è Wonderwall degli Oasis, i quattro accordi che hanno donato fama e prestigio alla band icona del brit pop degli anni ’90.

Per maggiori informazioni: https://www.notetralerighe.it/