Impeachment contro Donald Trump: Nancy Pelosi annuncia avvio indagine

impeachment-donald-trump

Dopo la polemica sulle sue conversazioni avute con il Presidente ucraino, nella giornata del 24 settembre è stato annunciato l’avvio dell’indagine per un eventuale impeachment nei confronti di Donald Trump. A comunicare la decisione è stata la speaker della Camera del Rappresentanti Usa Nancy Pelosi, che nel suo intervento ha aspramente attaccato il Presidente Trump. La Pelosi ha infatti dichiarato come le azioni del Capo di Stato abbiano violato la Costituzione, attentando alla sicurezza nazionale.

Impeachment contro Donald Trump

In particolare, durante l’annuncio Nancy Pelosi ha affermato: “Le azioni del presidente hanno violato la costituzione. Nessuno è al di sopra della legge. […] Egli deve essere ritenuto responsabile per il suo tradimento alla sicurezza nazionale e all’integrità delle nostre elezioni”.

La richiesta di impeachment contro Donald Trump arriva a seguito della scoperta di una telefonata tra quest’ultimo e il Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, risalente al 25 luglio scorso. Nella telefonata in questione Trump avrebbe chiesto a Zelensky di riaprire un’inchiesta per corruzione contro Hunter Biden, figlio dell’ex Vicepresidente Usa e attuale candidato alle presidenziali 2020 per i democratici Joe Biden.

Hunter Biden siede infatti nel consiglio di amministrazione di Burisma (un azienda ucraina di gas) e in cambio della riapertura dell’inchiesta, Trump avrebbe promesso a Zelensky lo sblocco di forniture militari per l’Ucraina dal valore di 250 milioni di dollari. Forniture che servono al Paese europeo per contrastare l’avanzata filorussa nel Donbass.

La replica di Donald Trump

Quasi contemporaneamente all’annuncio di Nancy Pelosi, Trump ha pubblicato via Twitter alcune dichiarazioni in cui smentisce il contenuto della telefonata con Zelensky e definisce una caccia alle streghe l’operazione dei democratici Usa: “Potrete vedere come non sia stata altro che una telefonata amichevole e assolutamente consona. Non è stata fatta alcune pressione e, a differenza di Joe Biden e di suo figlio, non c’è stato nessuno qui pro quo. Questo non è altro che l’ennesimo capitolo della più grande caccia alle streghe di tutti i tempi“.

Nel tentativo di sgonfiare la portata mediatica della richiesta di impeachment, Trump aveva infatti annunciato il rilascio della trascrizione integrale della telefonata con il Presindete ucraino. Rilascio che ha potuto avere la sua autorizzazione soltanto qualche ora dopo: “Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha ricevuto il permesso dal governo ucraino di rilasciare la trascrizione della telefonata che ho avuto con il suo Presidente. Non sanno nemmeno quale sia il problema. Una caccia alle streghe truffaldina da parte dei democratici!”.