L'uomo degli impeachment. Il procuratore che accusò Bill Clinton, ora difende Donald Trump

HuffPost

C’è il procuratore che accusò Bill Clinton, Kenneth Starr, nella squadra di legali che difenderà Donald Trump in Senato nel procedimento di impeachment che lo vede accusato di abuso di ufficio e ostruzione del Congresso per il Kievgate. Nel team ci sarebbero anche Robert Ray, successore di Starr nell’ufficio del procuratore indipendente durante l’amministrazione Clinton; Alan Dershowitz, famoso costituzionalista di Harvard un tempo paladino della sinistra dem avvicinatosi poi ai repubblicani, difensore di O.J. Simpson e di Jeffrey Epstein; l’avvocato personale del presidente Jay Sekulow, che avrà il compito di fare le dichiarazioni a nome del presidente; Pat Cipollone, capo dei legali della Casa Bianca.

Particolare rilievo assume la presenza di Kenneth Starr, procuratore indipendente noto soprattutto perché fu lui a guidare l’accusa nel Sexgate nei confronti di Bill Clinton. Nelle indagini sullo scandalo Whitewater, Starr fece luce su una rete di abusi illeciti e incappò nella denuncia della giornalista Paula Jones per molestie sessuali nei confronti dell’allora governatore dell’Arkansas. Durante l’indagine, Starr ottenne una conversazione telefonica in cui Monica Lewinsky parlava di aver fatto sesso orale con il presidente. Da lì si arrivo alle due imputazioni nei confronti di Clinton: spergiuro e ostruzione della giustizia. Il presidente fu assolto il 12 febbraio 1999.

Martedì prossimo entrerà nel vivo il processo, mentre il presidente sarà sul palcoscenico mondiale del forum economico di Davos. Donald Trump prevede che il suo processo per l’impeachment al Senato sarà “molto veloce”. Poi twitta: “L’impeachment per aver fatto una telefonata perfetta”. Il riferimento di Trump è alla conversazione con il leader dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, del 25 luglio durante la quale - questa è l’accusa - Trump avrebbe chiesto a Kiev il “favore” di indagare su Joe Biden.

A complicare la posizione di The Donald è un rapporto...

Continua a leggere su HuffPost