Impedito a Salvini il deposito Ama. Lui protesta: "gravissimo"

Tor

Roma, 23 ott. (askanews) - "Caro prefetto, questa mattina è accaduto, a mio avviso, un fatto gravissimo: è stato negato a me e a un gruppo di consiglieri regionali e comunali l'accesso all'impianto pubblico dell'Ama di Rocca Cencia a Roma impedendo così il mio diritto-dovere di controllo e verifica". È uno stralcio della lettera che questa mattina il segretario della Lega Matteo Salvini ha inviato al Prefetto di Roma, Gerarda Pantalone.

"Mi auguro - prosegue - che tu possa verificare la regolarità di questo assurdo divieto che mi è stato imposto contando quanto prima di poter visitare questo impianto dell'Ama"