Importante regista russo condannato per appropriazione indebita

Importante regista russo condannato per appropriazione indebita

Mosca, 26 giu. (askanews) – Un tribunale russo ha dichiarato il pluripremiato regista cinematografico e teatrale Kirill Serebrennikov colpevole di appropriazione indebita. Il 50enne art director al teatro d’avanguardia Gogol Center di Mosca è stato accusato di aver guidato un gruppo criminale, rubando 1,87 milioni di dollari in fondi statali. Serebrennikov ha negato qualsiasi illecito.

I pubblici ministeri hanno chiesto alla corte di incarcerarlo per sei anni e multarlo di 800.000 rubli. Centinaia di sostenitori si sono radunati fuori applaudendolo. Personaggi culturali di spicco hanno presentato una petizione per la sua liberazione, bollando il caso come un tentativo di mettere a tacere un regista il cui lavoro ha deriso quello che ha visto come il ruolo dannoso della chiesa e dello stato nella società russa.

Il Cremlino ha rifiutato di commentare. Le accuse risalgono al 2011-14 quando il governo ha erogato 216 milioni di rubli per finanziare un progetto di Serebrennikov finalizzato alla messa in scena e alla divulgazione del teatro sperimentale e moderno.