"Impossibile avere una data per la riapertura delle scuole", dice Azzolina

"Penso che si andrà nella direzione che ha detto stamane il presidente Conte di prorogare la data del 3 aprile ma in questi giorni, che sono cruciali, invito tutti alla massima responsabilità". Lo ha detto a Sky Tg24 la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, a proposito delle misure restrittive, precisando però che per la riapertura delle scuole oggi "non è possibile dare un'altra data".

"Tutto - ha ribadito - dipende dall'evoluzione di questi giorni, dallo scenario epidemiologico. Riapriremo le scuole solo quando avremo la certezza di assoluta sicurezza".

L'anno scolastico potrebbe essere allungato? "Tutto dipende da come andrà la didattica a distanza perché se funzienerà non serve allungare l'anno scolastico", ha proseguito il ministro. 

"Gli esami di Stato saranno seri ma indubbiamente dovranno tenere in considerazione il momento difficilissimo che stanno attraversando i nostri studenti e il nostro paese", ha aggiunto Azzolina.

Su come potrebbe svolgersi l'esame di maturità non si sbilancia ma assicura: "Sicuramente verrano prese delle misure per i nostri studenti che dovranno affrontare l'esame di Stato, e anche queste misure dipenderanno da quanto tempo ancora resteranno chiuse le scuole".

"Al momento non mi sento di dare anticipazioni ma voglio tranquillizzare i ragazzi - ha ribadito - dicendo che noi stiamo pensando a diversi scenari possibili e che apprezzo tantissimo i documenti che le Consulte degli studenti mi hanno inviato, li ho letti attentamente. Gli studenti stanno dimostrando grandissima maturità. Quei documenti li terrò in seria considerazione quando decideremo come dovranno essere fatti gli esami di Stato" ha concluso.