Impresa nerazzurra, l'Inter batte la Lazio e va in Champions League

Vecino festeggia il 3-2 per l’Inter (Giuseppe Lami/ANSA via AP)

Il nome della quarta italiana in Champions League è Inter. I nerazzurri vincono in rimonta allo Stadio Olimpico nello scontro diretto contro la Lazio. Biancocelesti in vantaggio al 9′ con l’autogol di Perisic, al 29′ pareggia D’Ambrosio e nel finale di primo tempo la Lazio torna in vantaggio con Felipe Anderson. L’Inter di Spalletti però non ci sta e al 78′ Icardi segna dal dischetto il 2-2. Il boato dei tifosi nerazzurri arriva all’81’ con la rete di Vecino che corregge in rete di testa il calcio d’angolo di Brozovic. Dopo 4 minuti di recupero la panchina nerazzurra può festeggiare, nella prossima stagione l’Inter giocherà la Champions League.

Lazio – Inter 2-3: 9′ aut. Perisic, 29′ D’Ambrosio, 41′ Felipe Anderson, 78′ rig. Icardi, 81′ Vecino

Lazio (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe, de Vrij (84′ Nani), Radu (77′ Bastos); Marusic, Murgia, Leiva, Milinkovic, Lulic; Felipe Anderson; Immobile (75′ Lukaku). A disposizione: Guerrieri, Vargic, Bastos, Caceres, Wallace, Basta, Patric, Lukaku, Di Gennaro, Crecco, Nani, Caicedo. Allenatore: Simone Inzaghi.

Inter (4-2-3-1): Handanovic 6; Cancelo 6,5, Skriniar 6, Miranda 6, D’Ambrosio 6 (81′ Ranocchia 6); Vecino 6,5, Brozovic 6,5; Candreva 5,5 (61′ Eder 6,5), Rafinha 5 (68′ Karamoh 6,5), Perisic 6; Icardi 5,5. A disposizione: Padelli, Berni, Lisandro, Gagliardini, Ranocchia, Karamoh, Santon, Borja Valero, Dalbert, Eder, Pinamonti. Allenatore: Luciano Spalletti.

Arbitro: Rocchi (sez. Firenze)