Imprese: Grassi (Univa), 'nel 2021 quota aziende territorio che continuerà a investire oltre 60%'

·2 minuto per la lettura
Imprese: Grassi (Univa), 'nel 2021 quota aziende territorio che continuerà a investire oltre 60%'
Imprese: Grassi (Univa), 'nel 2021 quota aziende territorio che continuerà a investire oltre 60%'

Milano, 15 feb. (Adnkronos) – Da una parte le esigenze di liquidità, dall’altra la necessità di risorse per programmare gli investimenti necessari sui fronti dell’innovazione, del riposizionamento sui mercati, della sostenibilità. È anche su questi temi che si gioca il futuro e la capacità di ripresa del sistema produttivo. A porli al centro dei riflettori è il ciclo “Approfondimenti di Finanza – Scuola d’Impresa” organizzato dall’Area Finanza dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese con lo scopo di aiutare le aziende, con consigli utili, molto pratici e immediatamente spendibili, a districarsi in una crisi economica scatenata dalla pandemia. Obiettivo del primo incontro del 2021 che si è tenuto questo pomeriggio in modalità webconference è stato quello di presentare in maniera organica alle imprese varesine le opportunità di finanziamento e le misure di intervento gestite da Finlombarda Spa per il rilancio economico della Lombardia.

Ad aprire i lavori è stato l’intervento del Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, che ha dichiarato: “La situazione che stiamo vivendo e che vivremo è difficile. Lo confermano le previsioni del FMI che ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Italia nel 2021. I nostri imprenditori hanno bisogno di fiducia e risorse finanziarie: non manca infatti la voglia di ripartire. Regione Lombardia è intervenuta tramite Finlombarda sia per favorire l’accesso al credito per le PMI, sia con un piano di investimenti da 4 miliardi per far ripartire alcune filiere e sia con un piano indennizzi per le categorie escluse dai ristori da parte del Governo. Anche nell’ambito del Recovery Fund Regione ha fatto la sua parte presentando progetti per 36 miliardi di euro per lo sviluppo sostenibile, la digitalizzazione, le grandi infrastrutture, la ricerca e l’innovazione. Finlombarda ha avuto la capacità di essere dalla parte degli imprenditori nel dare risposte rapide e sintetiche. La direzione intrapresa è quella giusta per contribuire fattivamente al rilancio della Lombardia, perché se non riparte la Lombardia, non riparte il Paese. Ce la faremo”.