Imprese: Vedrai centra record Ebitda da 1 mln ed é nata in piena pandemia (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Lato azienda invece abbiamo un piano di assunzioni che prevede il progressivo inserimento nei prossimi mesi di ulteriori 20 figure tecniche e di operation quali Data Scientist, Project Manager, Junior Stack Developer e Commerciali. Si tratta -aggiunge il fondatore di Vedrai- prevalentemente delle cosiddette ‘professioni del futuro’, figure per le quali spesso in Italia la domanda supera di gran lunga l’offerta". Vedrai sta inoltre consolidando la propria strategia di comunicazione con l’intento di aumentare la brand awareness e diventare punto di riferimento in Italia per i temi relativi all’Intelligenza Artificiale, presidiando non solo social e canali 'mainstream' ma anche operando su piattaforme rivolte prevalentemente ad un pubblico più giovane come Tik Tok.

Obiettivo di Vedrai è dunque portare l’Ai "ad un livello democratico, rivolgendosi ad imprese con un fatturato fino a 100 milioni di euro". Dalla manutenzione predittiva dei macchinari alle soluzioni di marketing per valutare il modo e il momento migliore per acquisire clienti, Vedrai supporta così le Pmi nell’individuare la strategia migliore per raggiungere gli obiettivi e programmare produzione, acquisti e risorse, abbassando anche i costi. E per festeggiare i risultati ottenuti nel primo anno, Vedrai ha deciso di supportare l’associazione La Zebra Onlus attraverso una donazione che servirà ad acquistare un ecografo da destinare al carcere femminile di Verziano, a Brescia. L’operazione di beneficenza si svolge insieme a Chefs for Life, cordata solidale che si propone di raccogliere fondi a sostegno di enti o associazioni che svolgono attività di grande rilievo sotto il profilo sociale e sanitario, principalmente a beneficio dell’infanzia, fondata da Diego Toscani.

"Abbiamo scelto un progetto con un impatto sul territorio di Brescia, che ospita una delle nostre sedi" commenta Grazioli. "Siamo un’azienda che guarda al futuro, di nome e di fatto: nell’ultimo anno abbiamo riscoperto il valore del dono e dello stare vicini. Per questo, in occasione di quella che è per noi una ricorrenza importante, ci piace festeggiarla contribuendo a quelle battaglie per la salute che -rimarca il giovanissimo manager- purtroppo sono state messe in secondo piano a causa della pandemia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli