In 90 al ristorante: l'irruzione della polizia ferma la protesta contro il Dpcm

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Si erano organizzati via social per una cena di protesta contro il nuovo Dpcm varato nelle ore precedenti, ma dopo appena poche portate sono stati “disturbati” dalla polizia.

E’ successo a Pesaro dove 90 commensali si erano riuniti ieri sera presso un ristorante della città marchigiana. L’irruzione delle forze dell’ordine, avvenuta intorno alle 20.30, è stata impedita in un primo momento dal titolare del locale, poi una volta dentro la scena provocatoria davanti gli occhi dei poliziotti.

“Unitevi a noi” hanno urlato alcuni dei clienti che hanno potuto proseguire la cena fino al dolce tra gli inviti ribaditi più e più volte delle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE - Cena di gala all’alba: provocazione anti-Dpcm, c'è anche il sindaco di Venezia

"Potete arrestarmi - ha urlato il titolare - ma io non chiuderò mai". Il blitz è stata seguito in diretta social su un'emittente locale e su profili privati. Il ristorante è stato chiuso d'autorità e il sindaco Matteo Ricci ha condannato fermamente su Facebook la cena di protesta: "Un fatto gravissimo, un conto è manifestare legittimamente e pacificamente e un'altra è fare queste pagliacciate".