In Romania dose premio ai visitatori del castello del Conte Dracula

·Editor, HuffPost Italy
·2 minuto per la lettura
BRAN, ROMANIA - MARCH 10:  Bran Castle, famous as "Dracula's Castle," stands among Transylvanian mountains on March 10, 2013 in Bran, Romania. Bran Castle's reputation as the supposed home to Dracula corresponds little with Bram Stoker's novel, nor did Vlad Tepes, the sadistic 15th-century Wallachian prince, ever live there. Nevetheless the castle retains the myth and tourists flock there in large numbers. Bran Castle, along with the mountainous region of southern Transylvania, which is home to Saxon fortified towns and churches, are among the asssets the Romanian government hopes will bring increasing numbers of tourists to the country. Both Romania and Bulgaria have been members of the European Union since 2007 and restrictions on their citizens' right to work within the EU are scheduled to end by the end of this year. However Germany's interior minister announced recently that he would veto the two countries' entry into the Schengen Agreement, which would not affect labour rights but would prevent passport-free travel.  (Photo by Sean Gallup/Getty Images) (Photo: Sean Gallup via Getty Images)
BRAN, ROMANIA - MARCH 10: Bran Castle, famous as "Dracula's Castle," stands among Transylvanian mountains on March 10, 2013 in Bran, Romania. Bran Castle's reputation as the supposed home to Dracula corresponds little with Bram Stoker's novel, nor did Vlad Tepes, the sadistic 15th-century Wallachian prince, ever live there. Nevetheless the castle retains the myth and tourists flock there in large numbers. Bran Castle, along with the mountainous region of southern Transylvania, which is home to Saxon fortified towns and churches, are among the asssets the Romanian government hopes will bring increasing numbers of tourists to the country. Both Romania and Bulgaria have been members of the European Union since 2007 and restrictions on their citizens' right to work within the EU are scheduled to end by the end of this year. However Germany's interior minister announced recently that he would veto the two countries' entry into the Schengen Agreement, which would not affect labour rights but would prevent passport-free travel. (Photo by Sean Gallup/Getty Images) (Photo: Sean Gallup via Getty Images)

Ai visitatori del castello di Dracula, in Romania, viene offerta una dose di vaccino anti-Covid con in premio un tour gratuito nella camera delle torture e un attestato di coraggio. E’ una formula originale quella ideata dal castello di Bran che punta a rilanciare le attività culturali, il turismo e nel contempo accelerare la campagna vaccinale. Così, per i visitatori di quella che viene considerata la tana di Dracula, invece di essere morsi dai suoi denti vengono punti con l’ago, immunizzandosi contro il coronavirus. Per giunta, chi si fa vaccinare usufruisce di un tour gratuito all’interno della camera delle torture e riparte con un certificato che attesta la loro “audacia e responsabilità”, con la promessa che saranno i benvenuti al castello “per i prossimi 100 anni”.

Immerso in una valle nebbiosa dei Carpazi, il castello di Bran è associato al principe rumeno del XV secolo Vlad Tepes, noto come “l’Impalatore”, anche se non vi soggiornò mai. Bram Stoker, l’autore di Dracula, si sarebbe ispirato alla figura di Vlad per scrivere il suo romanzo del 1897 con il quale contribuì a fondare il mito moderno dei vampiri, ma sul collegamento del personaggio con il castello in questione non ci sarebbero prove.

Per immunizzare il maggior numero possibile di cittadini, il governo rumeno sta organizzando campagne di vaccinazione locali e “maratone” di 24 ore in luoghi importanti, come la Biblioteca nazionale di Bucarest e ora anche al castello di Bran. “Questi centri sono per tutti coloro che vogliono vaccinarsi ma non hanno voglia di fissare un appuntamento online” ha detto Beatrice Mahler, direttrice dell’ospedale Marius Nasta. Finora in Romania circa 3,6 milioni di cittadini, su una popolazione di 19 milioni, hanno ricevuto almeno una dose di vaccino; le autorità puntano a raggiungere la quota dei 5 milioni entro inizio giugno...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli