Inaugurata a Milano stele in memoria prime unioni civili del ’92

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 giu. (askanews) - E' stata inaugurato in piazza Scala a Milano una stele in memoria di Gianni Delle Foglie e Ivan Dragoni, là dove il 27 giugno 1992 venne celebrata simbolicamente la loro unione civile insieme a quella di altre coppie omosessuali. Alla cerimonia hanno preso parte, tra gli altri, Paolo Hutter, che celebrò quelle prime simboliche unioni, e il sindaco di Milano, Beppe Sala.

La stele, fa sapere Palazzo Marino in una nota, è l'omaggio dell'amministrazione a quello che può essere considerato uno dei primi passi della battaglia per il riconoscimento legale dell'unione tra persone dello stesso sesso, inquadrato nell'ordinamento italiano con la legge del 20 maggio 2016, e a due dei suoi principali promotori.

"Oggi rendiamo omaggio e giustizia a Gianni Delle Foglie e Ivan Dragoni - ha dichiarato il sindaco di Milano Giuseppe Sala - la coraggiosa battaglia per l'uguaglianza e il riconoscimento dei diritti della comunità LGBTQA+ di cui si sono fatti portavoce insieme alle altre coppie che 29 anni fa hanno deciso di unirsi civilmente, in maniera simbolica, qui, davanti a Palazzo Marino non sarà mai dimenticata", ha detto.

L'intento, ha aggiunto il sindaco, è "far memoria della determinazione con cui Gianni e Ivan hanno difeso il loro amore e il loro legame, contribuendo in questo modo a rendere Milano la città dei diritti che tutti noi conosciamo, una città aperta che trova nel rispetto e nel dialogo gli strumenti per contrastare ogni forma di discriminazione e violenza". La proposta di un ricordo di quel momento è stata avanzata alla Giunta dall'ex consigliere comunale Paolo Hutter e realizzata nel contesto delle iniziative del Comitato Milano è memoria del Gabinetto del sindaco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli